Bat cancellata? Ventola non si arrende

Bat. Il presidente della Provincia Barletta-Andria-Trani ha presentato ricorso contro il provvedimento del Governo che taglia il suo Ente: “Illegittimo”

E’ nata nel 2004. Ed è già morta. Anzi è stata falciata dalla scure imposta dal Governo Monti (deliberazione del Consiglio dei Ministri del 20 luglio 2012) alle 66 Province italiane con meno di 350mila abitanti ed un’estensione inferiore ai 2.500 kilometri quadrati. Eppure, nonostante il regime di spending review, la Provincia di Bat (Barletta-Andria-Trani), l’ultima nata in Puglia, la sesta delle “sorelle”, non si arrende ad un così triste destino. Ed infatti il presidente dell’Ente Francesco Ventola, come aveva annunciato già in prossimità della decisione del Governo, quando si prevedeva che la “sua” Provincia non sarebbe passata indenne attraverso la riforma, ha deciso di impugnare la decisione dell’esecutivo guidato da Mario Monti davanti al Tar. Così lo scorso 13 settembre la sua Giunta ha deliberato formalmente il ricorso al tribunale amministrativo incaricando gli avvocati Francesco Bruno (del foro di Trani) e Federico Tedeschini (del foro di Roma) di assistere l’Ente nella battaglia legale. L’illegittimità del provvedimento governativo è presto spiegato: secondo Ventola, “la Provincia è ente costituzionalmente garantito” e i soli criteri dell’estensione territoriale e del numero degli abitanti non sarebbero sufficienti a giustificarne l’abolizione, risultando “oltremodo rigidi e inidonei a favorire un equilibrato riordino che tenga conto delle peculiarità degli enti interessati”. Inoltre, la Bat sarebbe stata ingiustamente penalizzata dal Governo centrale che l’avrebbe “tagliata fuori” per il solo requisito dell’estensione territoriale (è vasta solo 1.500 kilometri quadrati), non tenendo nella giusta considerazione quello legato al numero di abitanti (400mila a fronte dei 350mila necessari). In quella che per molte Province è la “corsa all’accorpamento” per non morire, quella appena intrapresa dalla Bat Provincia acquista i contorni della battaglia contro il gigante Golia disputata da Davide. Piccolo, forse troppo, in confronto al “nemico”, eppure, alla fine, vincitore. (in edicola oggi su Left, distribuito in abbinamento a L’Unità)

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment