'La cura ed il prendersi cura'. A Casa Itaca

Conversano. Week end nel “contenitore di menti” fondato dal medico Josè Ramon Fiore. Per curare se stessi e gli altri sulla strada dell’espressione corporea

CONVERSANO – “La cura ed il prendersi cura”. Una terapia dell’esistere in questi tempi di crisi economica ed esistenziale, perché se è vero che il bisogno di cura e del prendersi cura è mosso da un istinto di sopravvivenza ancestrale è necessario un imprinting per acquisirlo è ciò determina un'indispensabile apertura e fiducia nell'altro. “La cura ed il prendersi cura” è il weekend di lavoro, dal 21 al 23 settembre, che offre un’occasione di scoperta e di confronto con professionisti del settore per imparare a riconoscere e sviluppare i segnali di cura in un clima ludico ed emotivamente coinvolgente. La location è quanto mai appropriata: Casa Itaca (presso Masseria Minoia, sp per Castiglione) un casale nelle campagne di Conversano, dotato di spazi aperti, di un salone per le attività di gruppo, di stanze per pranzare, cucinare e dormire, che si propone come “contenitore di menti, anime e idee”, come lo definisce il suo fondatore, il medico Josè Ramon Fiore psicoterapeuta formatosi a Milano all'istituto Riza di Raffaele Morelli e docente universitario a Foggia di malattie infettive, psicologia generale, psicologia clinica e medicina psicosomatica.

Josè Ramòn Fiore

Lo psicoterapeuta e fondatore di Casa Itaca, Josè Ramòn Fiore Si parte il venerdì alle 16,30 con un meeting aperto a tutti: un'ampia panoramica sui modi, riti e significati del curare se stessi e gli altri, alla ricerca di conoscenza, di confronti, di competenze ed esperienze professionali. In programma interventi di: Elisabetta Gesmundo, medico psicoterapeuta responsabile dell'istituto Riza di Mestre, “Alle radici della cura: aspetti archetipici ed antropologici ieri e oggi”; Daniela Poggiolini, psicoterapeuta responsabile dell'istituto Ikos Ageform di Bari “Il linguaggio ed il silenzio che cura”; Pierluigi Ciritella, medico psicoterapeuta dell'istituto di formazione psicoanalitica “Il ruolo terapeutico” di Milano “Curarsi per curare”; Tiziana Nistrio, psicoanalista esperta in network e psicologo referente di Miss Forever “I sentimenti del terapeuta”; Josè Ramòn Fiore “La casa: analisi psicologica delle mura e dello spazio che curano”. A seguire dibattito condotto dalla giornalista Alessandra Bianco. Il sabato e la domenica, invece, un laboratorio di espressività corporea a numero chiuso con Fiore e Gesmundo, per confrontarsi e conoscersi, pranzando e cenando insieme, anche con la possibilità di pernottare in loco. Il seminario esperienziale è dedicato a quanti sono interessati all'argomento nella sfera personale, sia ad un livello intimo che professionale (viene rilasciato attestato di partecipazione). La tecnica utilizzata, utile a tutti ed adatta anche agli operatori, è quella dello psicodramma corporeo, ideata da Gesmundo 15 anni fa, che mira all’ascolto della propria interiorità attraverso la fisicità di ciascuno. La due giorni di lavoro si pone, quindi, come approccio introduttivo, approfondibile ma già applicabile, a questo metodo innovativo, originale ed utile in vari contesti psico-sociali. Info: su Fb Casa Itaca; tel. 329/7742754

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment