E-Gov. La Provincia di Lecce in finale

Lecce. Oggi l’attesa premiazione del progetto vincitore del concorso nazionale per PA. Palazzo dei Celestini in gara con “Mobile ticketing Salentoinbus”

LECCE – La Provincia di Lecce è tra i finalisti dell’VIII edizione del Premio nazionale “E – Gov 2012” con il progetto “Mobile ticketing Salentoinbus”, l’innovativo servizio di acquisto on line, tramite smartphone e web, dei biglietti per gli autobus della linea di trasporto estiva Salentoinbus. Oggi a partire dalle ore 9.30, nel Palazzo del Turismo a Riccione, si svolgerà la cerimonia di proclamazione dei vincitori e di premiazione, alla quale parteciperà l’assessore provinciale ai Trasporti e alla mobilità Bruno Ciccarese, con il dirigente del Servizio Trasporti della Provincia di Lecce Luigi Tundo e con la dirigente del Servizio Innovazione tecnologica Donatella Longo. Il Premio, indetto dal canale E – Gov (www.egovnews.it), è articolato ogni anno in un convegno tematico che punta a valorizzare l’intraprendenza e l’impegno delle amministrazioni pubbliche italiane. Per questa edizione, il convegno di cerimonia, intitolato “Cambiare l’Italia: la PA cerca soluzioni intelligenti”, sarà strutturato come un talk show nel quale si alterneranno interventi dei relatori, riflessioni del pubblico e interviste ai vincitori del Premio E-Gov 2012. L’obiettivo è presentare in uno scenario partecipato esperienze concrete di successo nel campo dell’e-government insieme al punto di vista di esperti del settore che tracciano scenari possibili per il futuro della pubblica amministrazione. La Provincia di Lecce è stata selezionata tra 135 enti candidati e parteciperà alla Finale nella sezione “Servizi all’utenza più intelligenti”. A contendersi il podio con gli altri progetti concorrenti sarà “Mobile ticketing Salentoinbus”, l’intervento pilota sviluppato dalla Provincia di Lecce all’interno del progetto Info City, in collaborazione con la Engineering Ingegneria Informativa spa, con il finanziamento del Dipartimento per gli Affari regionali della Presidenza del Consiglio dei Ministri, nell’ambito del Programma Elisa III, e il cofinanziamento della Regione Puglia. Applicato al sistema di trasporto estivo della Provincia di Lecce “SalentoinBus”, l’innovativo servizio “mobile ticketing” ha consentito agli utenti di acquistare biglietti on line, attraverso uno smartphone Android o iOSx o dal portale web della Provincia di Lecce, pagando in tutta sicurezza attraverso un conto Paypal o una qualsiasi carta di credito. Con la stessa applicazione, inoltre, i viaggiatori hanno trovato on line tutte le informazioni sugli orari di partenza degli autobus, i tragitti pedonali per raggiungere le fermate e hanno avuto la possibilità di scegliere anche il percorso più veloce o panoramico. “Con il servizio di ‘Mobile ticketing di Salento in bus’, la Provincia di Lecce ha offerto ai turisti un servizio completo, garantendo la possibilità di acquistare i biglietti senza alcun vincolo di orario rispetto all’apertura delle rivendite – ha spiegato l’assessore provinciale ai Trasporti e alla mobilità Bruno Ciccarese -. Un risparmio di tempo, ma anche di denaro, perché l’acquisto direttamente a bordo dei mezzi comporta una maggiorazione di 1 euro oltre al normale importo del biglietto emesso. Essere in finale è già un prestigioso riconoscimento; un’eventuale premio sarebbe la conferma di esserci fatti pionieri di una pratica altamente innovativa a tutto vantaggio di cittadini e turisti”. Partita il 25 giugno scorso, l’edizione 2012 di “SalentoinBus. Fatti trasportare dal Salento” è stato attiva fino al 5 settembre. Articolato su nove linee principali (contraddistinte dai colori Salento d’amare), integrate da oltre 18 linee secondarie di interesse locale, il servizio di trasporto pubblico di Palazzo dei Celestini ha consentito, per tutto il periodo estivo, a centinaia di viaggiatori di raggiungere non solo le località turistiche e balneari, ma anche quelle dell’entroterra salentino.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment