Rinnovabili. Negro: ‘Perché ci siamo astenuti'

Bari. Il presidente dell’Udc Puglia ritorna a chiedere l’istituzione dell’anagrafe degli impianti

BARI – “La proposta di legge approvata oggi dal Consiglio regionale è un passo avanti nella regolamentazione sull’uso dell’energia da fonti rinnovabili, ma presenta delle criticità. In particolare per quanto riguarda la mancata previsione di un’anagrafe degli impianti che consenta di risalire alle ditte che li hanno realizzati e perseguire possibili illeciti ed abusi”. È quanto affermato dal presidente del Gruppo Udc alla Regione Puglia, Salvatore Negro, che ha giustificato in tal modo l’astensione dei centristi dal voto sulla proposta di legge riguardante l’uso dell’energia da fonti rinnovabili. “Sin dal nostro insediamento, avvenuto nel 2010 – ha ricordato il capogruppo Udc – abbiamo chiesto regole certe nel settore per scongiurare disastri ambientali e danni al paesaggio. Ma soprattutto più volte abbiamo posto l’attenzione sui possibili abusi da parte di imprenditori senza scrupoli o peggio della criminalità organizzata. Una preoccupazione confermata a suo tempo anche dal capo della procura antimafia. Per tale ragione, restiamo fermamente convinti che l’istituzione di un’anagrafe degli impianti eolici e fotovoltaici servirebbe ad eliminare dubbi e incertezze su possibili abusi e servirebbe a scoraggiare l’ingresso di capitali di dubbia provenienza, e quindi il controllo del business dell’eolico e del fotovoltaico da parte di un mondo economico che non coincide con l’economia legale”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!