Vendola: ‘Il 2013, anno del corto circuito’

Bari. Il presidente della Regione ha presentato la sua nuova squadra di governo, effetto del rimpasto ed ha preannunciato la dura battaglia che l’attende

BARI – “Una Giunta da combattimento”. Così il presidente della regione Puglia Nichi ha definito, oggi, nel corso delle dichiarazioni programmatiche in aula consiliare, la sua nuova squadra di Governo, effetto del rimpasto operato alcune settimane fa. Secondo Vendola, il governo regionale si troverà a dover affrontare una battaglia dura, “perché il 2013 – ha detto – sarà l’anno del corto circuito, e miracoli non se ne possono fare”. “Siamo stretti in una morsa infernale – ha aggiunto – non possiamo dare lavoro e non possiamo aprire cantieri”. La stretta infernale cui fa riferimento il presidente è il rispetto del patto di stabilità. “Abbiamo le casseforti piene – ha spiegato – ma non possiamo spendere soldi per via del rispetto dei vincoli imposti dal patto di stabilità. Perdiamo e restituiamo risorse importanti a Bruxelles per non sforare il tetto di spesa”. Il presidente ha presentato la “pattuglia” con i vecchi ed i nuovi componenti. Ha sottolineato le ragioni dell’accorpamento della sanità ai servizi sociali ed ha stigmatizzato il significato dei blitz dell’assessore Elena Gentile negli ospedali: “La sanità deve recuperare anche la sua missione sociale e la Regione deve tenere alto il livello di vigilanza”. “Non è possibile – secondo il governatore pugliese -che negli ospedali vi siano apparecchiature di alta tecnologia ancora impacchettate”. Fabrizio Nardoni, nuovo assessore all’Agricoltura, è stato presentato da Vendola come un apprezzato imprenditore tarantino “generoso ed illuminato”. Poi il presidente ha presentato anche Leo Caroli, assessore al lavoro, già componente della task force per il lavoro e quindi esperto della materia; Giovanni Giannini assessore ai lavori pubblici ed ai trasporti, che mette in campo la sua esperienza decennale di amministratore locale. E poi il neo acquisito, Leonardo Di Gioia, consigliere regionale per il quale Vendola ha espresso parole di elogio per il suo lavoro “onesto e prezioso” svolto anche dai banchi dell’opposizione. Il governatore ha dunque rivolto un appello ai parlamentari neo eletti che siedono ancora sui banchi del Consiglio regionale: “Dobbiamo risolvere la questione della cassa integrazione in deroga”. “Questa opzione sul lavoro – ha detto – che il Governo ha delegato alle Regioni come un cerino acceso, togliendo però di fatto le risorse con le quali poter attivare l’ammortizzatore sociale. Bisogna pretendere – ha aggiunto rivolgendosi ai colleghi in Parlamento – che questa competenza ritorni nelle mani del Governo, visto che ci sono state tolte le risorse”. Vendola si è soffermato molto sul tema della crisi che sta “impoverendo il ceto medio e ha tolto completamente la speranza per il futuro ad una intera generazione”. “Viviamo in un paese smarrito – ha detto –; questa crisi rischia di trasformarsi in caos e in questo momento non avere un sovrano, un governo, ci fa diventare un ‘Paese senza’ che rischia di essere travolto dalla burrasca sociale o dal nichilismo politico”. Infine un passaggio su Grillo e sulla sua capacità mediatica di intercettare i voti del malcontento. “Quello che è accaduto in Parlamento è stata una rivoluzione, la sepoltura della seconda Repubblica, ma anche il momento in cui si registra il punto più alto della paralisi”. Il centrosinistra secondo Vendola si deve interrogare su questa sconfitta elettorale. “E il Pd – ha aggiunto – che è il primo partito della coalizione, mio alleato, deve riprendere ad intercettare il bisogno di cambiamento che viene dalla gente”. Articolo correlato: Regione, ecco la nuova Giunta

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment