Ulivi secolari: in Salento non li vogliono più

Inizia l'abbattimento di oltre 6.500 ulivi secolari, per fare spazio alla statale 16 Maglie-Otranto. Per non perdere 55 milioni di finanziamento pubblico si fa un strada che non serve a nessuno

(ph: Comitato di tutela Porto Miggiano) Il giorno dell’abbattimento è arrivato. I 6.500 ulivi che intralciano i lavori per l’allargamento delle strada statale 16 Maglie-Otranto saranno espiantati. Non daranno più fastidio ed il finanziamento da 55 milioni di euro ottenuto per realizzare il progetto non correrà più alcun rischio. Peccato che i dubbi sulla necessità di intervenire per allargare e mettere in sicurezza l’arteria stradale siano più di uno. Innanzitutto l’espianto degli ulivi. Sono 8mila in tutto quelli che sorgono sul futuro tracciato. 1.500 sono salvi perché per loro è arrivata una richiesta di adozione da parte dei Comuni limitrofi. Gli altri moriranno perché nessuno li ha richeisti. Eppure il reimpianto degli 8mila ulivi è un obbligo dell'Anas, che deve farlo a sue spese, così come indicato dal Ministero nella prescrizione contenuta nel decreto di Via del progetto. Poi la ricchezza ambientale ed archeologica che caratterizza la zona. Solo lo scorso aprile è stata scoperta una cripta paleocristiana, ma le testimonianze megalitiche e preistoriche qui presenti sono numerose. Infine, l’ultimo dubbio: tutto questo è davvero necessario? A lavori finiti, gli ulivi non ci saranno più e nemmeno i reperti e le testimonianze storiche. La strada, in compenso, sarà più larga e sicura. Ma quanto tempo si risparmierà per percorrere i suoi 12 kilometri?

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!