Radio-messe abusive. Condannato parroco

Ci sono “invasioni” ben più gravi del crocefisso nei luoghi pubblici. E a volte non basta non guardare

di Giacomo Grippa Il parroco don Antonio Morrone, della chiesa Madonna della Fiducia di Surbo, è stato condannato dal giudice Giovanni Gallo del Tribunale di Lecce, per aver occupato abusivamente delle frequenze-radio per trasmettere messe. Ne dà risalto la odierna cronaca leccese degli ultimi giorni. Il prete, a cui la Polizia postale aveva sequestrato l'impianto radio, contesta la violazione del DPR 156/73, la normativa cioè sulle telecomunicazioni che prescrive per l'istallazione ed esercizio di tali impianti dopo il rilascio di apposita concessione. Il Morrone era stato processato già nel 2004, a seguito di denuncia di una emittente locale per interferenze religiose sui programmi musicali curati dalla stessa. Anche allora l'orante giustificava tale invasione per assicurare l'ascolto del rito agli anziani impediti. Mai come in questo caso sacro sarebbe osservare un religioso silenzio. Non parliamo del disturbo, ossessivamente arrecato alle famiglie residenti in prossimità delle chiese per lo scampanio a tutte le ore del giorno, facoltà mai ad altre formazioni sociali concessa, se non eccezionalmente e previa autorizzazione, ma mai dalle sei del mattino. Gli organi di controllo possono eludere i loro doveri d'ufficio, se a tanto restano sordi? Cosa ugualmente invasiva e più grave della esposizione dei crocifissi in ogni luogo pubblico per i quali ai cittadini dissenzienti i credenti consigliano di non guardarli.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!