Spin off e brevetti, due bandi per collegare ricerca e impresa

Bari. Lanciati dall’Arti nell’ambito del progetto Ilo2 i bandi a sportello per una dotazione complessiva di 610mila euro

BARI – Al via due nuovi strumenti per sostenere il trasferimento tecnologico e il collegamento tra ricerca ed impresa: si tratta del bando per l'erogazione di servizi per le spin off ad alto contenuto di conoscenza e di quello per l’erogazione di servizi per il trasferimento dei brevetti al mercato, lanciati dall’ARTI – Agenzia Regionale per la Tecnologia e l’Innovazione, nell'ambito del Progetto ILO2 – Fase 2 (Azione “Imprese e Ricerca del Piano Straordinario per il Lavoro”), con un budget complessivo di 610mila euro. Con una dotazione finanziaria di 460mila euro, il primo bando, “Spin off”, ha lo scopo di sostenere la nascita e il consolidamento di imprese innovative gemmate nell'ambito della ricerca pubblica “già costituite” (nella fase di start up successivo alla costituzione) o “in via di costituzione” (nella fase della valutazione di fattibilità), aventi come finalità la valorizzazione imprenditoriale dei risultati della ricerca pubblica pugliese. È prevista l'erogazione di servizi per l'avvio e lo sviluppo di imprese innovative, quali (ad esempio) ricerche di mercato, prototipizzazioni, piani di sfruttamento commerciale, tutoraggio e accompagnamento alla fase di start up, per un valore massimo di 50mila euro per singola spin off. I servizi sono assegnati fino ad esaurimento dei fondi stanziati dal bando. Sono ammessi a partecipare all’avviso, entro il 31 dicembre 2012, spin off da ricerca maturata nei Dipartimenti e negli Istituti dei cinque atenei pugliesi (l’Università e il Politecnico di Bari, l’Università di Foggia, l’Università del Salento, la LUM Jean Monnet), nonché degli altri Enti pubblici di ricerca, del CNR e dell’ENEA, con sede nel territorio regionale. Il secondo bando, “Brevetti”, mira a stimolare e ad accrescere la propensione delle Università e degli Enti pubblici di ricerca pugliesi all'estensione internazionale dei brevetti e al licensing, al fine di migliorare le possibilità di trasferimento tecnologico verso il mercato. L’avviso, pertanto, consente di finanziare l’erogazione di servizi finalizzati all’estensione e/o al deposito internazionale di un singolo brevetto, di qualsiasi settore tecnologico, e al suo trasferimento al mercato. Si tratta, ad esempio, di servizi attinenti alla predisposizione della domanda di brevetto europeo e internazionale, la gestione dei rapporti con le autorità brevettuali, le procedure contenziose per la concessione dei titoli, la gestione della contrattualistica brevettuale, il deposito e l’espletamento della domanda di estensione, i costi di traduzione per la nazionalizzazione del brevetto in uno o più Paesi (anche non europei), il supporto all’implementazione del licensing dei brevetti, la predisposizione della risposta al rapporto di Ricerca e successive formalità di fronte all’UIBM (Ufficio Italiano Brevetti e Marchi) per la procedura di concessione del brevetto. Sono ammessi a partecipare all’avviso i cinque atenei pugliesi, le strutture pugliesi del CNR e dell’ENEA e gli altri Enti pubblici di ricerca per risultati della ricerca che abbiano condotto a risultati brevettabili, dei quali siano titolari in percentuale non inferiore al 10%. Il bando, che ha una dotazione di 150mila euro, scade il 31 gennaio 2013 o in data precedente poiché l’erogazione dei servizi sarà assegnata fino ad esaurimento dei fondi stanziati. Entrambe le iniziative rientrano nel Progetto ILO2 – fase 2 “ Creare impresa e diffondere tecnologia a partire dalla ricerca” cofinanziato dall'UE attraverso il PO FESR 2007-2013, ASSE I, Linea di intervento 1.2 – Azione 1.2.3, promosso dall’ARTI (in collaborazione con i cinque atenei pugliesi, il CNR e l’ENEA), su incarico dell’Area Politiche per lo sviluppo economico, il lavoro e l’innovazione della Regione Puglia. Informazioni, bandi e modulistica sono disponibili su www.arti.puglia.it.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!