Raffaele Vasquez, oggi il nuovo album

Lecce. Esce oggi “Senza Bastoni Tra Le Ali”. Vasquez si cala nei panni del cantautore ed imbraccia la chitarra

LECCE – Per la prima volta veste i panni del cantautore e imbraccia uno strumento diverso dal pianoforte, la chitarra. Così nasce “Senza Bastoni Tra Le Ali”, l’ultimo album del musicista leccese Raffaele Vasquez (per le edizioni Goodfellas e promosso con il sostegno di Puglia Sounds – P.O. FESR Puglia 2007-2013 Asse IV). Il lavoro esce ufficialmente oggi. Questo album nasce dall’esigenza di raccontare stati d’animo, situazioni e sensazioni del momento e di scriverli su carta per poi renderli in forma canzone. I testi raccontano la sua vita in modo elegante e allo stesso tempo ironico e pregno di nonsense, affidandosi a una scrittura leggera e surreale al contempo. Le sonorità si muovono in modo eclettico lungo linee musicali e acustiche differenti, alternando gli stilemi della canzone d’autore, tappeti acustici pop e ritmiche da bossa nova. Nel disco traspaiono solari ballate (“Ma che giornata”, primo singolo estratto), la tristezza agrodolce del distacco (“Ti ho vista andar via”), metafore sottili e attuali (“Download”), e fresche ventate di libertà (“titletrack”). Tra malinconia e humor, le dodici tracce rivelano storie di incontri e abbandoni, racconti di vita tra reale e irreale, con un unico filo conduttore: la donna. In “Senza Bastoni Tra Le Ali” Vasquez si avvale inoltre delle collaborazioni di Marco Calabrese al piano-tastiere; Marco Bardoscia e Michele Colaci al contrabbasso; Andrea Rizzo e Alex Semprevivo alla batteria; Gianluca De Rubertis, synth e chitarra elettrica in “Senza bastoni tra le ali”; Guido Nemola, nel remix di “Ma che giornata”. Nei live sarà invece accompagnato da Marco Calabrese al piano-tastiere, Michele Colaci al contrabbasso e Alex Semprevivo alla batteria.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment