Nuovo attentato alla famiglia del pentito Barba

Gallipoli. Una tanica di benzina abbandonata accanto al furgone del padre. L'avvertimento, a poche settimane dalla diffusione delle ricostruzioni di Barba su collusioni Scu-politica

GALLIPOLI – Una tanica di benzina lasciata accanto al furgone della famiglia di Giuseppe Barba, 42 anni. Barba è conosciuto con il nome di “Peppe u dannatu” ed è il pentito della Sacra Corona Unita che sta collaborando con gli inquirenti nel tracciare i contorni dell’attività della Scu degli ultimi 25 anni. Benzina anche sotto il furgone, un Renault Kangoo con cella frigorifera per il trasporto di prodotti ittici. Se il carburante avesse preso fuoco, la tanica sarebbe esplosa causando gravi danni. Non è la prima volta che la famiglia di Barba è colpita da atti intimidatori. Era accaduto già a febbraio scorso, quando andò in fiamme un altro furgone del padre del collaboratore di giustizia. Il nuovo avvertimento arriva a pochi giorni dalla diffusione di una parte del racconto fatto in aula nel corso del processo in cui è imputato il boss Rosario Padovano, reo confesso dell’omicidio del fratello Salvatore, in cui Barba ha riferito di collusioni tra personalità della criminalità organizzata e della politica. 24 febbraio 2012 In fiamme il furgone del padre di Barba, imputato nel processo Padovano GALLIPOLI – Non è un incendio come un altro. Perché il furgone Fiat Ducato, andato in fiamme stanotte, in via Galatone a Gallipoli, è il furgone del padre di Giuseppe Barba, uno degli imputati nel processo al clan Padovano e che recentemente ha dichiarato l'intenzione di collaborare con la giustizia. Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco che hanno spento le fiamme prima che distruggessero totalmente il mezzo; l’incendio ha infatti coinvolto la parte anteriore del furgone, che stamattina è stato rimosso dal luogo in cui era posteggiato. La polizia è intanto al lavoro per stabilire se l’episodio abbia carattere doloso e se sia da collegare in qualche modo alla posizione di Barba nell’ambito del processo al clan. Qui la ricostruzione del processo Padovano

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment