Attentato in Afghanistan, muore carabiniere salentino

Adraskan. Il carabiniere scelto Manuele Braj, 30enne di Galatina, ha perso la vita sul colpo in seguito all’esplosione. Due i feriti, illeso un quarto militare

ADRASKAN – E’ morto in un’esplosione nel campo addestrativo della polizia afghana ad Adraskan, il carabiniere scelto Manuele Braj, 30enne di Galatina ma residente a Collepasso. Effettivo al 13/o Reggimento 'Friuli-Venezia Giulia', Braj lascia la moglie, 28enne, e il figlioletto di otto mesi. Stando ai primi accertamenti, l'esplosione sarebbe stata provocata da un proiettile proveniente dall'esterno, presumibilmente un razzo Rpg. L’attentato al campo ha coinvolto in tutto quattro militari; oltre a Braj che ha perso la vita sul colpo, altri due carabinieri sono rimasti feriti; illeso il quarto. I due militari feriti avrebbero riportato lesioni alle gambe e sono ora ricoverati nell'ospedale militare da campo italiano di Shindand; non sarebbero in pericolo di vita. Si tratta del maresciallo capo Dario Cristinelli, 37 anni, di Lovere (Bergamo) e del carabiniere scelto Emilano Asta, 29enne, di Alcamo (Trapani), effettivi alla seconda Brigata mobile di Livorno e al 7/o Reggimento 'Trentino Alto Adige'. Sono entrambi ricoverati all'ospedale da campo americano di Shindand per lesioni alle gambe. L'esplosione è avvenuta alle 8.50 locali (in Italia erano le 6.20) in prossimità di una garitta di osservazione installata a ridosso della linea di tiro del poligono. I militari appartenevano al PSTT (Police Speciality Training Team), uno speciale nucleo addestrativo della polizia afghana. Sono in corso accertamenti per ricostruire la dinamica del fatto.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!