Orchestra Tito Schipa, concerto per Melissa

Brindisi. In piazza Duomo a Brindisi l’orchestra diretta dal maestro Marcello Panni di esibirà per commemorare le vittime dell’attentato al “Morvillo Falcone”

BRINDISI – Grande concerto, stasera alle 21, in piazza Duomo a Brindisi. L’orchestra Sinfonica “Tito Schipa” di Lecce suonerà per ricordare la giovane studentessa Melissa Bassi, vittima del terribile attentato avvenuto lo scorso 19 maggio presso l’Istituto Professionale di Stato “Morvillo-Falcone” di Brindisi. L’evento, fortemente voluto dalla Fondazione ICO “Tito Schipa” di Lecce, dall’assessora alla Cultura della Provincia di Lecce, Simona Manca, e dal maestro Marcello Panni, direttore artistico della Fondazione, si è potuto realizzare grazie alla collaborazione dell’Amministrazione comunale di Brindisi, e dell’Amministrazione provinciale di Brindisi e dell’associazione musicale “Nino Rota”. “Credo nel potere della musica, della grande musica – afferma Panni – e il nostro nobile compito è quello di diffonderla affinché raggiunga il massimo numero di persone possibili per ammansire tra loro, come fece Orfeo, le belve feroci dell’inciviltà”. L’Orchestra Sinfonica Tito Schipa, diretta da Marcello Panni, eseguirà un programma di notevole impatto emotivo: aprirà la serata il “Concerto per tromba piccola e orchestra” di Tartini, solista Emilio Mazzotta. Seguirà il “Sogno di una notte di mezza estate”, suite op. 61 dalle musiche di scena per Shakespeare di Felix Mendelssohn-Bartholdy, una composizione fra le più celebri e geniali del musicista di Amburgo, scritta quando aveva soli 17 anni. Il concerto si concluderà con la “Sinfonia n. 2” in Re maggiore op. 73 di Johannes Brahms, che si caratterizza per la bellezza dei temi e per la forza dei contrasti che si alternano tra gioiosità e quiete. L’ingresso alla manifestazione sarà gratuito

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment