A San Demetrio, è festa d’estate

Specchia. Si rinnova l’appuntamento presso l’azienda agricola del gruppo Specchiasol. Ricchiuto: “Il mio obiettivo è far conoscere all’Italia questa terra”

SPECCHIA – 80 erboristi italiani, provenienti da tutto il territorio nazionale, si incontreranno oggi presso l’azienda San Demetrio per la “Festa dell’estate”. Si tratta di un momento di alta formazione, grazie alla quasi quarantennale esperienza di Giuseppe Maria Ricchiuto, presidente del Gruppo Specchiasol, che vuole unire la conoscenza del mondo fitoterapico a quella del territorio salentino. Gli erboristi, infatti, avranno la possibilità di visitare l’azienda agricola San Demetrio con le sue coltivazioni biologiche di piante officinali, l’Opificio erboristico Sandemetrio, osservando da vicino il processo produttivo, e l’Orto Botanico dove crescono oltre 400 specie di piante diverse. Gli ospiti potranno quindi visitare Specchia, tra i borghi più antichi d’Italia e di partecipare ad una serata a tema, assaporando la cucina locale e ballando la pizzica, la danza popolare del Salento. “San Demetrio è il cuore produttivo del nostro gruppo – ha dichiarato Ricchiuto –, la nostra maggiore azienda agricola con 150 ettari di coltivazioni biologiche, l’Opificio Erboristico e l’Orto Botanico. È per questo motivo che ritengo importante far conoscere in Italia e nel mondo il patrimonio di questa terra: per apprezzarne le incredibili potenzialità e ammirarne la profonda bellezza”. // Specchiasol, il benessere dalla natura Specchiasol è leader nella produzione di fitoderivati e cosmetici, realizzati coniugando la tradizione erboristica con la ricerca scientifica e la più moderna tecnologia. Fondata nel 1973 da Giuseppe Maria Ricchiuto, l’azienda è oggi riconosciuta a livello internazionale come punto di riferimento nel settore del benessere naturale: in quarant’anni di attività ha infatti contribuito in maniera decisiva alla diffusione e all’affermazione della fitoterapia e della medicina naturale. Uno dei cuori produttivi del Gruppo Specchiasol è l’Azienda Agricola San Demetrio a Specchia, con i suoi 150 ettari di terreno interamente adibiti alla coltivazione biologica di ben 50 specie di piante officinali e aromatiche. Qui l’attenzione alla qualità parte dalla preparazione del terreno e prosegue con la scelta accurata di semi e talee, con l’utilizzo di bioinsetticidi e repellenti naturali e con tecniche di raccolta effettuate nel rispetto più assoluto del tempo balsamico di ogni specie botanica. In stretta connessione con l’attività dell’Azienda Agricola Biologica, opera anche l’Opificio Erboristico Sandemetrio dove le piante officinali vengono sistemate in essiccatoi termoventilati a basse temperature, in grado di preservare le caratteristiche organolettiche del prodotto, e dove vengono sottoposte a rigidi controlli di qualità, effettuati da personale qualificato presso il laboratorio di analisi di cui l’Opificio è dotato. Le piante officinali provenienti dalle coltivazioni vengono opportunamente lavorate e trasformate in semilavorati e prodotti finiti di qualità: tisane e infusi di erbe officinali, estratti fluidi e idroalcolici e olio extra vergine d’oliva. In questo modo si realizza l’intero ciclo produttivo a partire dalle materie prime. Nell’Azienda Agricola San Demetrio si trova l’Orto Botanico, inaugurato nel 2008 in occasione dell’apertura del Centro Studi Piante Officinali, gestito in collaborazione con l’Università di Bari. Il Giardino ospita oltre 400 specie differenti di piante officinali, medicinali e aromatiche oltre a cotone, tabacco, coloranti naturali come l’indaco e piante dolcificanti come la Stevia. Il progetto ha finalità di carattere culturale e didattico: ogni anno l’Orto Botanico è visitato da molti studenti provenienti dalle Università e dalle scuole di ogni ordine e grado, da erboristi, farmacisti e altri addetti al settore. L’Orto Botanico rappresenta inoltre una fase fondamentale per la ricerca in quanto consente di valutare la crescita di nuove piante in un terreno e in un contesto di agricoltura biologica.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!