Brindisi, nasce ‘Sì democrazia’

Brindisi. Il movimento politico sarà rappresentato in Consiglio comunale da Roberto Fusco

BRINDISI – E’ nato a Brindisi il movimento politico “Sì democrazia”. La costituzione ufficiale è avvenuta lo scorso martedì presso l’Hotel Internazionale. Rappresentante del movimento all’interno del Consiglio comunale brindisino è l’avvocato Roberto Fusco. Il movimento assume la forma giuridica di associazione politica con 50 soci fondatori e 19 componenti del Consiglio direttivo. Quale presidente dell’associazione è stato eletto all'unanimità Fusco, ex candidato sindaco alle amministrative del 6 maggio scorso, nonché attuale consigliere comunale di Brindisi. Vice-presidente è Raffaella Argentieri. “Questo movimento – afferma proprio la Argentieri – si prefigge, soprattutto, uno scopo educativo per la città. Si occuperà di tutto ciò che riguarda l’ambiente, la salute, l’occupazione giovanile. I giovani sono i soliti trascurati dal mondo politico, tutti ne parlano ma pochi se ne occupano realmente. Una delle finalità costitutive e statutarie del movimento è proprio quella di adoperarsi affinché i giovani del territorio non siano più costretti a esportare le loro facoltà intellettive altrove, ma possano trovare realizzazione nella stessa realtà della nostra provincia. La politica non si fa solo in Consiglio comunale, anche se il Consiglio stesso dovrà diventare più snello, trasparente, accessibile ai cittadini. Tutto ciò che deve essere discusso e deciso in Consiglio comunale sarebbe buona cosa che fosse già conosciuto dai cittadini. E’ questa – continua Argentieri – la vera democrazia. Purtroppo, ancora oggi, a Brindisi non è stato insediato il Consiglio comunale, e nonostante ciò la Giunta Consales sta prendendo decisioni importanti, senza organo di controllo: un vero vuoto democratico”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!