Open innovation, seminario Arti ad Ecotekne

Lecce. Il workshop si aprirà alle ore 9; relatore Luigi Serio, docente di Economia e Gestione delle imprese alla Cattolica di Milano

LECCE – È promosso dall’Arti – Agenzia regionale per la tecnologia e l’innovazione, nell’ambito del progetto Ilo “Creare impresa e diffondere tecnologia a partire dalla ricerca”, il workshop in programma oggi all’Università del Salento su “Le nuove logiche organizzative e manageriali per l’Open Innovation”. Appuntamento dunque alle ore 9 nell’aula “Socrate” al piano terra dell’edificio IBIL (complesso Ecotekne, via per Monteroni, Lecce); relatore Luigi Serio, docente di Economia e Gestione delle imprese all’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano. Il workshop intende ricostruire prevalentemente tre aree di approfondimento: in primo luogo, la collocazione dell’innovazione aperta all’interno del mutato quadro competitivo e strategico e le caratteristiche di base che lo delineano; in secondo luogo, le questioni e le implicazioni organizzative che la “prospettiva aperta” determina; in terzo luogo, il tentativo di comprendere quali di questi elementi hanno una possibile rilevanza nella realtà italiana e perché. // I workshop del progetto Ilo Collegare la ricerca pubblica, le imprese innovative, i soggetti intermediari della conoscenza e dell’innovazione, gli investitori e le istituzioni regionali, con l’obiettivo di generare in Puglia più alti livelli di sviluppo industriale, tecnologico e scientifico, nuova occupazione qualificata e sostenibile, maggiore reddito. Tra le diverse azioni dell’edizione 2011-2013 del progetto Ilo, l’organizzazione di un ciclo di workshop destinati al personale della ricerca pubblica e delle imprese pugliesi sui temi del trasferimento tecnologico, della valorizzazione della proprietà intellettuale, dell’avvio di spin off e start up innovative, del finanziamento dell’innovazione.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!