Tragedia di Leuca. Bellanova: ‘Mediterraneo cimitero d’acqua’

Secondo la deputata Teresa Bellanova Italia ed Unione Europea dovrebbero mettere in campo strategie di accoglienza più idonee

“Ancora una volta la costa salentina si è trasformata in un teatro di morte. Profondo cordoglio per queste vite spezzate, ma non basta. Gli sbarchi continuano senza sosta, esseri umani continuano a perdere la vita, sogni continuano ad infrangersi. Il Mediterraneo è sempre più un cimitero d’acqua, dove si seppelliscono esistenze disperate, totalmente abbandonate alla mercé di contrabbandieri di speranze, aguzzini della disperazione”. E’ questo il commento della parlamentare salentina del Pd Teresa Bellanova e della responsabile politiche sociali del Pd Paola De Paolis dopo l’ennesima tragedia di disperati che si è consumata ieri nel canale d’Otranto: l’imbarcazione su cui viaggiavano undici migranti si è ribaltata, disperdendo sette persone; solo quattro sono state tratte in salvo. “La geografia – aggiungono le esponenti del Pd – rende l'Italia il primo teatro di queste tragedie, e questo ovviamente ci carica di responsabilità rispetto ad una adeguata attività di prevenzione, ma non possiamo dimenticare che il nostro Mezzogiorno è terra di frontiera dell'Europa. All’Italia ed all'intera Unione Europea spetta il dovere di mettere in campo misure idonee ed utili nel soccorso e nella accoglienza dignitosa di queste persone che dobbiamo ricordarlo spesso fuggono da realtà difficili fatte di violenze e diritti negati”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!