Longo: ‘Arriva Scipione, maggiore sicurezza’

Bari. Il consigliere regionale dell’Udc chiede maggiori controlli e pene più severe per chi non rispetta le regole di sicurezza

BARI – “Scipione sembra alle porte ma la Puglia è già un fuoco: è pazzesco assistere alle centinaia di incendi (piccoli o grandi) che si stanno verificando nei nostri campi negli ultimi giorni. Bisogna fare qualcosa”. A chiedere interventi urgenti per arginare le fiamme è Peppino Longo, consigliere regionale dell'Udc. “Stando a quanto annunciato dagli esperti meteo – prosegue Longo – si sta avvicinando anche alla nostra regione una nuova ondata di calore e le temperature elevate, purtroppo, favoriranno nuovi e altri incendi. Fiamme che si propagano dalle migliaia di ettari di terreni incolti che fanno brutta mostra nelle nostre campagne. Molti sindaci – prosegue il consigliere del partito di Casini – hanno emanato ordinanza col divieto di appiccare fuoco nei campi (vecchia, consolidata e pericolosa abitudine) e ripulire dalle erbe secche i terreni ma quasi tutti, visti gli episodi accaduti nello scorso week end, sembrano infischiarsene. Il lavoro di vigili del fuoco e volontari della protezione civile viene già messo a dura prova, e siamo soltanto a metà giugno. Ed allora la Regione – conclude Peppino Longo -, per quanto nelle sue competenze, dia indicazioni precise e severe per ‘invitare’ i proprietari dei terreni a ripulire le aree e diminuire, così, i rischi di incendi. Andrebbero, inoltre, inasprite le sanzioni per chi non rispetta ordinanze e divieti: non possiamo mandare a fuoco le nostre campagne”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!