La Puglia è pronta per i viaggi di gruppo. D’Acquisto

LA STORIA DELLA DOMENICA. Anche in Puglia si organizza il primo gruppo di viaggio. “L’occasione per avvicinare i turisti-consumatori ai produttori”

Viaggi di gruppo in Puglia con i gruppi di viaggio. Che diventano realtà anche nelle sei province pugliesi. Partiranno a luglio, infatti, i primi gruppi di viaggio in collaborazione con oltre 50 strutture agrituristiche dislocate in tutte le sei provincie pugliesi. Obiettivo è fare conoscere ai consumatori la vita di una masseria e i suoi territori circostanti ,con visite guidate accompagnate da una eccellente enogastronomia. Per tutta l'estate e parte dell'autunno sarà possibile conoscere le aziende, entrando direttamente nei campi coltivati, nei vigneti e negli allevamenti con relative degustazioni di prodotti tipici. Il calendario completo dei gruppi di viaggio sarà disponibile entro fine giugno, con tanto di date e luoghi che toccheranno tutte le province pugliesi, compresa quella di Lecce, su cui molta informazione è stata fatta e sulla quale la rete di gas Puglia punta molto per ottenere massima visibilità e partecipazione a livello nazionale, considerando il Salento come la punta di diamante della Puglia a livello turistico sia per ricezione sia per esperienza nell'accoglienza turistica. La rete Gas Puglia organizza viaggi per i gasisti di tutta Italia nei più bei posti della Puglia. Verranno creati itinerari che oltre ai luoghi più famosi includeranno anche mete autentiche, luoghi al di fuori del turismo di massa. Ci si affiderà a guide locali competenti appassionate della propria terra e del proprio lavoro. Inoltre si eviteranno gli alberghi internazionali preferendo strutture locali che abbiano storia ed anima. Si cercherà, insomma, di far conoscere la Puglia nel modo più autentico e responsabile possibile. “Con un migliaio di ettari e 180 aziende tra agriturismi e produttori e oltre 70 gruppi di acquisto – spiega il responsabile di Rete Gas Puglia Michele Uva -, la rete Gas Puglia è un grande laboratorio in continua evoluzione che lavora incessantemente e in maniera frenetica nel diffondere la cultura dei Gruppi di Acquisto facilitandone la costituzione nel territorio pugliese e facendo da megafono ad altri gruppi di acquisto di tutta Italia che vogliono avvicinarsi ai produttori pugliesi”. Chi può aderire? “I viaggi di gruppo di Rete Gas Puglia sono viaggi culturali attraverso le specificità tipiche locali, avventurosi ma soprattutto divertenti, adatti ai viaggiatori più arditi ed anche più timidi: insomma a viaggiatori di tutte le età, provenienti da tutte le regioni italiane che amano conoscere persone nuove e condividere le proprie idee ambientaliste ed eco-sostenibili. Già dopo poche ore di aereo compagni di viaggio appena conosciuti sembreranno amici di vecchia data. Questo è lo spirito”. Quando è nata la rete Gas Puglia? “E’ stata costituita nel febbraio 2011 ed è nata dall’esigenza di alcuni gruppi di acquisto i quali hanno espresso la volontà di collegarsi fra di loro in una rete che serve ad aiutarli e a diffondere questa esperienza attraverso lo scambio di informazioni”. Da quanti gas è composta? “Attualmente sono censiti dalla Rete Gas Puglia oltre 70 Gas”. Quali obiettivi si pone? “La Rete Gas Puglia è organizzata in modo orizzontale e le sue funzioni sono esclusivamente due. Uno: fornire informazioni ed esperienze utili a tutti i GAS della Puglia, offrendo loro la possibilità di mettersi in contatto tra di loro e di poter confrontare i prezzi, la qualità dei prodotti e le eventuali informazioni sulle aziende iscritte alla Rete Gas Puglia. Le aziende che decidono di iscriversi sono tenute a pubblicare i loro listini ed informazioni descrittive sui loro prodotti per consentire a tutti i vecchi Gas di confrontarli ed ai nuovi di trovare il produttore più vicino alla loro ubicazione. La Rete Gas Puglia non effettua intermediazione o vendita di qualsiasi prodotto. Due: promuovere per tutto il territorio della Puglia la mentalità dei Gas attraverso la partecipazione a numerose fiere sagre e convegni che hanno toccato tutte le provincie della Puglia. Inoltre la Rete Gas Puglia offre supporto e trasmette esperienze ai nuovi gruppi di acquisto che vogliono iniziare questa esperienza ed utilizzare il concetto di solidarietà come criterio guida nella scelta dei prodotti. La solidarietà parte dai membri del gruppo e si estende ai produttori che forniscono i prodotti, al rispetto dell’ambiente, ai popoli del sud del mondo e a coloro che subiscono le conseguenze inique di questo modello di sviluppo”. Come ci si iscrive? “I fornitori vengono scelti dai singoli Gas in maniera autonoma , l’unico criterio che viene seguito è quello di privilegiare produttori vicini al paese o città dove il Gas è ubicato. Per quanto concerne la qualità dei prodotti essendoci un rapporto diretto tra produttore e consumatore , si ha la possibilità di seguire tutti i passaggi di maturazione del prodotto (frutti o verdure che siano ). La Rete Gas Puglia fino a questo momento ha acquistato quasi esclusivamente prodotti alimentari e detersivi ma in questo ha avviato dei progetti che riguardano anche altri prodotti come indumenti e materiale informatico il tutto è comunque finalizzato sempre a perseguire i fini solidali e di consumo sostenibile che caratterizzano la filosofia dei Gas”. Qual è il vantaggio di iscriversi al Gas? “In media una famiglia che appartiene ad un Gas ben avviato può arrivare a risparmiare fino a 3.700 euro all’anno se si prendono in considerazione solo prodotti alimentari. Il produttore, d’altro canto, specialmente quelli agricoli, possono guadagnare fino al 70 euro in più rispetto alla vendita all’ingrosso. Infatti in Puglia un piccolo produttore agricolo guadagna solo il 12% dal prezzo che viene esposto negli scaffali dei supermercati con tutte le conseguenze sulla qualità del prodotto”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!