Ucciso non dalla pizza, ma dalla granita

In tre finiscono nei guai

Era allergico al lattosio, presente nella granita alla menta che gli fu servita malgrado avesse comunicato la sua intollerenza. Guai per la titolare della gelateria, per un'infermiera e un medico

Chiuse le indagini preliminari per la morte di Roberto Ianne, il 21enne giovane studente di Lettere e Filosofia originario di Carmiano, figlio di un noto ristoratore del comune Nord salentino. Non una pizza la causa del decesso. Mangiò una granita alla menta contenente derivati del latte e nella gelateria non erano esposti i cartellino con l'elenco degli ingredienti. Circostanze per il giovane fatali, alle quali si aggiunse una mancata somministrazione al pronto soccorso di cortisonici che avrebbero potuto attenuare l'insufficienza respiratoria, la crisi di bronco spasmo e lo shock anafilattico che ne seguì, il medico del 118 non riuscì ad iniettarglieli per via endovenosa. Ora sul registro degli indagati compaiono tre nomi con l’accusa di omicidio colposo: Anna Rita Tricarico, 42enne di Gallipoli, propietaria della gelateria, Paola Martina, di 27 infermiera professionale al pronto soccorso estivo di Torre Lapillo, e Anna Angela Calcagnile Tarantino, di 51 anni, medico dell’unità mobile del 118. Gli indagati sono difesi dagli avvocati Fabrizio Ferilli, Antonio Romanello e Giuseppe Bonsegna.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!