Metallo: le promesse sono diventate realtà

Racale. Intercettato un grosso finanziamento di 9 Milioni di euro

Buone notizie dal Comune di Racale, guidato da poche settimane dal giovane neosindaco Donato Metallo. E' stato sbloccato un ingente finanziamento per un totale di ben 9.010.445,03 di Euro, milioni che andranno a colmare importanti carenze su tutto il territorio racalino. La Regione Puglia, infatti – con delibera n.1002 del 21 maggio 2012 pubblicata su BURP n. 84 del 12 giugno 2012 – ha approvato vari interventi sul territorio di Racale e della sua marina Torre Suda nel settore idrico e fognante, opere progettate già nel lontano 1995-96, sottoposte a rielaborazione nel 2005 e mai finanziate. Metallo entusiasta ha dichiarato: “ ringrazio di cuore l’ufficio tecnico e dei lavori pubblici per l’importante lavoro svolto, la giunta regionale ed in particolare la vice presidente della regione, Loredana Capone, che con impegno ed interessamento hanno permesso lo sblocco di tali ingenti risorse, risorse che permetteranno di risolvere croniche carenze strutturali del nostro paese e soprattutto nella nostra frazione, che a detta dei tecnici sarà coperta interamente dal servizio dell’acquedotto. La soddisfazione è massima visto che in poche settimane siamo riusciti a sbloccare fondi e risorse fermi da svariati anni, fondi che porteranno servizi e lavoro sul nostro territorio, risorse che rappresentano quasi il 50% di quanto finanziato sull’intera provincia di Lecce. Avevamo detto che i politici li avremmo chiamati non per propaganda personale in campagna elettorale, ma successivamente e per i bisogni dell’intera comunità. E’ quello che stiamo facendo, promesse che sono diventate realtà. Come il taglio dei costi della politica ,promesso e subito effettuato con un risparmio annuo non di 90 (come preventivato) ma addirittura(con ulteriori tagli effettuati) arrivato a 102 mila euro. La politica dell’esempio e del lavoro sta dando i suoi primi frutti, ringrazio tutta la compagine di governo per l’impegno e la passione che sta dimostrando. “

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment