Emir, la nuova stella del mondo a quattro zampe

Vernole. Ad appena nove mesi di vita questo San Bernardo proveniente dalle migliori linee di sangue europee ha già ottenuto prestigiosi risultati

di Riccardo Longo VERNOLE – Con imponenza ed eleganza si muove da Vernole la nuova stella del mondo canino: Emir della Torre di Persia. Ad appena nove mesi di vita questo San Bernardo proveniente dalle migliori linee di sangue europee ha già ottenuto prestigiosi risultati, dando numerose soddisfazioni ai suoi proprietari, Niceta e Massimo Candeliere. Imboccando una strada mai percorsa da nessuno nel Comune del Salento centrale, Niceta, Massimo ed Emir (denominato della Torre di Persia dal nome dell’allevamento d’origine) si sono già fatti notare l’8 giugno 2012 nell’Expo internazionale di Ostuni, raggiungendo il primo posto. Ottimi risultati sono stati ottenuti anche nell’esposizione nazionale di Foggia, dove Emir si è classificato sempre al primo posto. La striscia di risultati positivi non si ferma e un altro primo posto arriva nell’esposizione internazionale di Galatina, dove Emir si piazza nel Ring regalando ai suoi proprietari questo prestigioso premio. Tutti questi risultati fanno onore ad Emir, al giovane Niceta e a Massimo, che hanno raggiunto questi obbiettivi d’oro in competizioni monitorate da famigerati e importanti giudici di gara, come Cesare Calcinati, Denis Kuzeli e Simone Panerai. Questo San Bernardo, che in questo periodo attraversa una particolare fase di crescita, fa onore alla comunità di Vernole, della quale si rende importante il supporto affinché questa nuova stella del mondo a quattro zampe possa ottenere risultati sempre migliori. “Ora il cucciolone si riposa per poi riprendere lavoro in Expo verso i 18 mesi. Speriamo bene in una crescita notevole e in altre numerose soddisfazioni“ commenta il giovane Niceta Candeliere, visibilmente felice dei risultati ottenuti dal suo Emir. Emir stabilizzerà la sua struttura corporea una volta raggiunti i due anni e mezzo, ma già da ora si fa notare per la sua bellezza e le sue capacità, degne di un grande San Bernardo a pelo lungo.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!