50&50. Oggi la consegna delle 20mila firme raccolte

Bari. Alle 12 le firme saranno consegnate al presidente del Consiglio Introna e partirà ufficialmente l’iter per l’approvazione della legge sulla doppia preferenza

BARI – Le donne (ma anche gli uomini) ce l’hanno fatta. Sono 20mila le firme raccolte (quando il numero necessario era 15mila) per la proposta di legge di iniziativa popolare “50&50” per la pari rappresentanza di donne e uomini in Consiglio regionale e nelle liste elettorali per le Regionali. La grande mobilitazione che ha raggiunto anche i piccoli centri della Puglia ha permesso di raggiungere il risultato anche prima del previsto. Ed oggi è il grande giorno. Alle ore 12 infatti il Comitato promotore 50&50 consegnerà le firme al presidente del Consiglio regionale Onofrio Introna. Dopodiché partirà ufficialmente l’iter per l’approvazione della legge, con il passaggio in Commissione e poi in Consiglio. Si tratta di un momento storico che potrà davvero cambiare la politica nella nostra Regione. Questi i passaggi più importanti della proposta di legge: • in ogni lista nessuno dei due sessi può essere rappresentato in misura superiore al 50%.; • la lista che non rispetti questa caratteristica non è ammessa; • in tutti i programmi di comunicazione politica deve essere assicurata la presenza paritaria di candidate/i di entrambi i sessi, nei messaggi autogestiti deve essere messa in risalto con pari evidenza la presenza di candidate/i di entrambe i sessi nella lista presenta dal soggetto politico che realizza il messaggio; • si possono esprimere uno o due voti di preferenza; • se si esprimono due preferenze queste non possono riferirsi a due candidate/i dello stesso sesso; • se si esprimono due preferenze per candidate/i dello stesso sesso la seconda preferenza è a. Il Comitato promotore della legge: La Consigliera regionale di parità, la Commissione regionale di Pari Opportunità, la Consulta regionale femminile, le Consigliere di parità provinciali di Bari, Lecce, Taranto, Brindisi, Foggia, le donne dei partiti IDV, PD, PDL, PSI, Rifondazione Comunista, SEL, UdC, e dei movimenti La Puglia per Vendola, La Puglia prima di tutto, Movimento Schittulli, le associazioni: Donne in rete – Foggia, Centro di documentazione cultura delle donne – Bari, Un desiderio in comune – Bari, Sui generis – Lecce, Maschile/Plurale: Uomini in gioco, Coordinamento delle associazioni femminili – Bari, Udi – Comitato promotore 50/50, Giulia: giornaliste unite libere e autonome. Ecco i “testimonial” della proposta di legge “50&50”: Lunetta Savino: Sergio Rubini: Luxuria: Caparezza: Ed ecco il documentario realizzato da Maria Luisa Mastrogiovanni per la rete di giornaliste Giulia in occasione del presidio del 15 maggio 2012 davanti alla sede della Regione Puglia. Articoli correlati: '50&50'. Il documentario di Gi.u.li.a sul presidio di Bari Legge ‘50-50'. I Partiti pugliesi la boicottano Mai più senza 50 e 50 15mila sì per la legge '50/50'

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!