Prova ad abusare dell’ex compagna. Preso

Nardò. Per raggiungere il suo scopo, Cristian Florin Manea, non ha esitato ad usare minacce e persino un coltello

NARDO’ – E’ stato arrestato in flagranza di reato dai carabinieri di Nardò per tentata violenza sessuale ed ora si trova presso il carcere di Lecce Cristian Florin Manea, 35enne del posto, già noto alle forze dell’ordine.

Cristian Florin Manea

Cristian Florin Manea Manea avrebbe tentato di costringere la ex compagna, neretina, a subire atti sessuali alla presenza del figlio di otto anni e per raggiungere il suo scopo non avrebbe esitato ad usare la violenza, le minacce e persino un coltello con il quale avrebbe procurato alla donna diverse ferite, fortunatamente superficiali, ad un braccio. L’aggressione è avvenuta alle prime luci dell’alba di ieri, quando la signora ha contattato il 112 per denunciare l’accaduto. Quando la pattuglia dell’Aliquota Radiomobile della Compagnia di Gallipoli è giunta sul posto, assieme ad una ambulanza del 118, ha prestato le prime cure alla signora aggredita, non rintracciando però l’aggressore, che nel frattempo si era allontanato dall’abitazione. Dopo qualche ora, la donna ha nuovamente contattato i carabinieri, avvisandoli che l’aggressore era ritornato. Stavolta sul posto è giunta una pattuglia di carabinieri di Nardò che ha trovato la vittima in lacrime, che indicava il coltello da cucina mediante il quale, Manea, dopo il rientro in casa ed a seguito dell’ennesima lite, l’aveva ferita. Il coltello è stato sottoposto a sequestro. Manea è stato bloccato che si trovava ancora nello stabile, nascosto per evitare la cattura, ed è stato condotto a Borgo San Nicola.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment