Reforme. Edilizia e marketing

GUARDA I VIDEO. Lecce. In occasione dell’evento internazionale verrà siglata la “carta di Lecce” contenente le linee operative di Reforme per il quadriennio 2012-2016

LECCE – La città di Lecce resterà negli annali dell’edilizia europea. Proprio a Lecce infatti si firmerà la “carta di Lecce” contenente le linee operative di Reforme per il quadriennio 2012-2016. Reforme è la rete degli organismi di formazione del settore delle costruzioni di numerosi paesi europei. Ieri si è svolta presso la Scuola Edile di Lecce la presentazione della “quattro giorni” che sarà ospitata da domani al 16 giugno proprio nel Salento (i primi tre giorni a Gallipoli e l'ultimo a Lecce). Così l’ha introdotta Sergio Tolomeo, direttore della Scuola edile: Si tratta di un evento di grande rilievo in quanto ha richiamo internazionale; si tiene ogni quattro anni, in concomitanza con il cambio di presidenza della rete Reforme, che quest’anno è avvenuto con il passaggio di testimone tra Spagna e Francia. Il fatto che sia stato scelto il Salento per ospitare Reforme – e non una città spagnola e francese – è dunque indicativo del grande prestigio che si è voluto riconoscere al territorio salentino. Ancora Tolomeo sulla “carta di Lecce”: Massimiliano Dell'Anna, presidente Scuola Edile Lecce, ed Alessio Colella, vice presidente, sulla Conferenza Europea della Rete Reforme: Quelli dal 12 al 16 giugno saranno dunque quattro giorni di grande fermento per la città di Lecce e per gli altri Comuni salentini. E ciò non solo per gli “addetti ai lavori” a cui sono dedicati i primi tre giorni dell’evento (mentre la giornata dal 16 sarà di interesse diffuso, dato anche la finale del concorso interregionale Puglia-Basilicata “Ediltrophy”, in occasione della quale verranno realizzate sette fioriere che verranno donate al Comune come arredo urbano) ma per il valore che assumeranno in termini di marketing territoriale. Sono infatti già 200 le camere occupate in città. 11 giugno 2012 Reforme. Formazione in edilizia LECCE – E' in corso presso la Scuola Edile la conferenza stampa di presentazione della quattro giorni di rilevanza internazionale di Reforme prevista a Lecce dal 13 al 16 giugno prossimi, con focus sul settore della formazione in edilizia. Vi terremo aggiornati sullo stato dei lavori, approfondendo il tema con interviste ed aggiornamenti. 8 giugno 2012 Reforme. Quattro giorni di costruzioni a Lecce Lecce – Quattro giorni di costruzioni. Si terrà a Lecce dal 13 al 16 giugno la nona edizione della Conferenza Europea della Rete Reforme, la rete degli organismi di formazione del settore delle costruzioni di numerosi paesi europei. Per illustrare il programma ed i contenuti della importante manifestazione internazionale, che vedrà anche nella giornata conclusiva la gara di arte muraria Ediltrophy 2012, la Scuola Edile di Lecce ha convocato per lunedì alle 12 una conferenza stampa presso la propria sede di viale Belgio. Interverranno Massimiliano Dell’Anna, presidente Scuola Edile Lecce, ed Alessio Colella, vice presidente. // Gli obiettivi di Reforme La mobilità dei giovani stagisti e lavoratori, la coerenza tra le qualifiche e le competenze, l’integrazione di persone svantaggiate e il rischio di esclusione dal mercato del lavoro sono i principali ambiti di approfondimento e ricerca della rete Reforme. Che dunque si è data delle priorità: realizzazione di una formazione professionale di qualità superiore per tutti i bisogni del mercato; realizzazione dei meccanismi comuni europei che contribuiscono a creare uno spazio europeo e a tutelare la competitività del mercato del lavoro europeo; potenziamento dell’apprendimento reciproco, della cooperazione e dello scambio di esperienza, incoraggiato dalla rete negli ultimi 20 anni. programma REFORME

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment