Lavoro e conciliazione. Seminario in Fiera

Bari. L’incontro di oggi approfondirà gli interventi della Regione a favore delle politiche di conciliazione vita lavoro e dell’inclusione sociale

BARI – Le novità previste dal Piano straordinario per il Lavoro della Regione Puglia per facilitare la conciliazione vita-lavoro e le politiche di inclusione sociale. Sarà questo il tema del seminario che si terrà oggi dalle 15 alle 17.30 presso il padiglione della Regione Puglia alla Fiera del Levante. L’incontro è organizzato dalla Regione Puglia in collaborazione con Italia Lavoro ed è destinato agli operatori dei nodi del lavoro e dei nodi antidiscriminazione. Il seminario, al quale prenderà parte l’assessora regionale al Welfare Elena Gentile, rappresenta un momento di aggiornamento su misure innovative e sperimentali che apportano cambiamenti significativi negli strumenti per la fruizione della flessibilità nel lavoro. In particolare, saranno oggetto di analisi: la costituzione e la gestione dei Fondi pubblico-privati per il sostegno alla flessibilità nel lavoro indirizzato a lavoratori e lavoratrici che si trovano nella necessità di conciliare i tempi di vita con quelli di lavoro (il fondo è indirizzato anche ai liberi professionisti per l’integrazione del reddito in momenti di particolare bisogni di conciliazione); il Catalogo on line dell’offerta di servizi per l’infanzia e l’adolescenza che apre la strada a un intervento rivolto alle famiglie per la fruizione di tali servizi; il programma A.s.S.a.P. (Azione di Sistema per lo sviluppo di sistemi integrati di Servizi alla Persona) e la sua interazione con il Progetto R.O.S.A. (Rete per l’Occupazione e i Servizi di Assistenza) che prevedono la formazione per gli assistenti familiari; i progetti innovativi integrati per l’inclusione socio-lavorativa di soggetti deboli.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!