Celiachia: la Regione adotta linee guida per le imprese alimentari

Bari. Nel 2011 in Puglia sono stati censiti 7.600 celiaci; la Giunta ha approvato le regole per la preparazione e somministrazione dei prodotti alimentari

BARI – Regole precise nella preparazione e somministrazione di alimenti senza glutine destinati ai celiaci. La Giunta regionale ha adottato le Linee Guida per le imprese alimentari che preparano e somministrano alimenti preparati con prodotti privi di glutine e destinati direttamente al consumatore finale. La celiachia è un’intolleranza permanente al glutine, complesso proteico contenuto in grano tenero, grano duro, farro, segale, kamut, orzo e altri cereali minori. La distribuzione della malattia celiaca a livello mondiale è ormai considerata omogenea, anche se la frequenza può variare in maniera consistente. Un recente studio ha riportato una prevalenza della malattia celiaca nella popolazione adulta in Europa dell’1%. In Puglia, nell’anno 2011, sono stati censiti al sistema Informativo Sanitario regionale 7.600 celiaci, di cui 2.209 maschi e 5.391 femmine. Sul totale dei celiaci pugliesi, il 77,5% è in età adulta. La celiachia è dunque la più frequente intolleranza alimentare presente a livello mondiale. L’unica terapia disponibile, attualmente, consiste in una dieta rigorosamente priva di glutine, da seguire per tutta la vita. Esistono in commercio prodotti dietetici senza glutine, preparati industrialmente in stabilimenti in possesso di specifica autorizzazione del Ministero della Salute, che possono anche costituire la base per l’elaborazione di preparazioni gastronomiche di vario tipo prive di glutine, come pane, pasta, biscotti, basi per pizza, farine. Nel tempo, visto anche il notevole incremento del numero dei soggetti celiaci, è aumentata l’esigenza di reperire facilmente preparazioni alimentari senza glutine, in particolar modo nel settore della ristorazione pubblica e collettiva. La legge 123/05, nel riconoscere la celiachia come “malattia sociale” ha previsto una serie di interventi per favorire il normale inserimento del celiaco nella vita sociale. In particolare l’assessorato alle Politiche della salute ha avviato un percorso di formazione e aggiornamento professionale rivolto ai ristoratori ed albergatori coinvolti su tutto il territorio regionale al fine di impartire una buona competenza teorico-pratica che consentirà loro, nell’espletamento dell’attività professionale, di poter corrispondere alle esigenze dei celiaci. Le linee guida approvate dalla Giunta riguardano la produzione di alimenti non confezionati di cui si dichiara l'assenza di glutine, destinati alla somministrazione e vendita diretta, non rientranti nel campo di applicazione del d.lgs n.111/92. Sono il risultato di un lavoro condiviso tra l'assessorato delle Politiche della Salute, i rappresentanti dei SIAN delle Asl della Regione ed il presidente dell'Associazione Italiana Celiachia onlus – Puglia. Le linee guida hanno l'obiettivo di chiarire quali debbano essere i requisiti strutturali e gestionali necessari per una corretta conduzione di un’attività di preparazione e somministrazione di alimenti senza glutine destinati direttamente al consumatore finale. Con la delibera di giunta gli operatori del settore alimentare (Osa) che intendano preparare, somministrare e vendere alimenti “senza glutine”(gluten free) sono soggetti all’obbligo di notifica ai fini della registrazione all’Autorità Competente, entro sessanta (60) giorni dalla pubblicazione della stessa sul BURPuglia (avvenuta lo scorso 5 giugno). Nel caso di attività già registrate, la preparazione, somministrazione e vendita di alimenti “senza glutine” rientra nell'obbligo di notifica di variazione attività alla Asl territorialmente competente. Sono obbligati a rispettare le indicazioni contenute nelle linee guida sia le attività di produzione di pasti per celiaci nella ristorazione collettiva (ospedali, case di cura e di riposo, mense scolastiche, mense aziendali, istituti di pena, ecc), sia le attività di produzione di pasti per celiaci nella ristorazione pubblica (ristoranti, pizzerie, trattorie, fastfood, gastronomie, catering, ecc).

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!