Gemelli di Merine. Gabellone: ‘Energia 24h al giorno’

Lecce. Il presidente della Provincia ha garantito alla famiglia Quarta l’installazione di un impianto per la produzione di energia alternativa

LECCE – In casa della famiglia Quarta di Merine verrà installato un impianto per la produzione di energia alternativa a titolo gratuito o a prezzo molto conveniente. L’ha assicurato il presidente della Provincia di Lecce Antonio Gabellone in una lettera indirizzata al consigliere provinciale Renato Stabile, che nei giorni scorsi aveva sollevato il problema di questa famiglia che, in presenza di due figli gravemente ammalati, non riesce a garantire loro la costante forniture di energia elettrica. Gabellone ha raccolto l’appello di Stabile, mettendo a disposizione della famiglia Quarta “tutto l’impegno diretto dell’Amministrazione Provinciale di Lecce, che in queste ore si è immediatamente attivata per consentire una costante fornitura di energia elettrica all’abitazione del padre dei due gemelli gravemente malati di Merine di Lizzanello”. Riferendosi alla segnalazione dello stesso consigliere Stabile, relativa al problema della fornitura di energia elettrica nell’abitazione del sig. Quarta il presidente di Palazzo dei Celestini intende assicurare che “per la particolarità della situazione e per la necessità da parte della famiglia di disporre costantemente di energia elettrica a costi ragionevoli l’Ente Provincia si sta adoperando nella direzione di ottenere, da un’azienda produttrice di impianti di energia alternativa, l’installazione gratuita o a prezzi molto contenuti di apparecchiature tali da consentire l’uso della strumentazione medica senza che i costi per energia incidano in maniera così pesante sul bilancio familiare”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment