Il Cantiere dei piccoli. E’ il momento del Vocabolario

Lecce. Tutti i sogni dei mini-attori. Ai cantieri Koreja il lavoro conclusivo del laboratorio dedicato ai più piccini

LECCE – Giunge a conclusione il “Cantiere dei piccoli”, il laboratorio teatrale tenuto da Carlo Durante, attore dei Cantieri Teatrali Koreja di Lecce, rivolto a bambini e ragazzi di età compresa tra i sei e gli undici anni. Quest’anno genitori, nonni, parenti, zii, cugini di tutte le taglie e semplici curiosi sono invitati a consultare il gigantesco vocabolario custodito da Koreja che raccoglie le testimonianze e i racconti dei bambini che hanno partecipato all’edizione invernale del Cantiere dei Piccoli. Oggi alle ore 18.00, infatti, in scena “Vocabolario” (ingresso libero) con i giovanissimi Amelie Brachet, Lucio Caprioli, Lorenzo Coluccia, Elisa Congedo, Irene Grecuccio, Stefano Leone, Martina Lomascolo, Virginia Marzano, Nicola Marziliano, Alessandro Mele, Cristina Rosafio, Francesca Villanova. Nello spettacolo, oltre ad un ricco album fotografico e ad un paio di questionari per genitori, si intravede la fiaba “Ruti vuole dormire” di David Grossman, tratta dal libro “Ruti vuole dormire e altre storie”. Più che narrare la fiaba, i bimbi, si immedesimano nella protagonista, fino al punto di non volersi più alzare dal letto e non voler più andare a scuola per restare al calduccio, a sognare. Lo spazio, il ritmo, l’uso della parola e l’esercizio della fantasia, questi i temi affrontati coi bambini durante l’anno. Tutto il materiale teatrale raccolto è stato inserito in una struttura più grande, un contenitore, un gigantesco “Vocabolario”, che racchiude il senso della dimostrazione di lavoro finale: una serie parole-comando danno il via a movimenti, stop e danze che scivolano in piccole scenette fatte di racconti.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!