Case popolari. D’Agata: ‘Perrone faccia qualcosa’

Lecce. Le famiglie attendono da più di un anno di conoscere chi sono gli assegnatari degli alloggi

LECCE – L’ennesimo appello al sindaco Paolo Perrone affinché acceleri l’iter di assegnazione delle case popolari viene da Francesco D’Agata, coordinatore provinciale di Italia dei valori. “Ancora una volta è il Sunia (Sindacato nazionale unitario inquilini ed assegnatari) a denunciare una situazione gravissima che riguarda ben mille famiglie leccesi appese alla speranza di vedersi assegnata una casa – dice D’Agata -. Il ritardo di oltre un anno ha dell’incredibile”. Il bando per l’assegnazione in locazione di alloggi popolari è stato infatti pubblicato il 5 aprile 2011 ed il tema è stato uno degli argomenti più scottanti della campagna elettorale per il rinnovo del Consiglio leccese. “Nonostante le continue denunce sui ritardi, che avevano fatto pensare a tutti ad una sorta di ricatto elettorale perpetrato a danno delle fasce deboli della popolazione del capoluogo – aggiunge il coordinatore dell’Idv -, però, a è cambiato se anche oggi il Sunia continua a fare appelli perché si faccia chiarezza. A Perrone ci rivolgiamo affinché faccia una volta per tutte luce sulla vicenda e si attivi per fare finalmente qualcosa per la cittadinanza più bisognosa”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!