Parmigiana di peperoni rossi

Ecco una ricetta per la sezione “Stravaganze estive”. Da consumare tiepida o fredda

// Ingredienti 4 peperoni rossi una cipolla 2 spicchi di aglio 200 gr di mozzarella salentina 1 Kg. di pomodori pelati 1 uovo 80 gr di pecorino dolce da grattugiare olio extravergine di oliva sale e pepe // Preparazione Si prepari la salsa di pomodoro soffriggendo la cipolla tritata nell'olio extravergine di oliva. S’aggiungano i pomodori pelati scolati, si regolino di sale e pepe, quindi si portino a cottura. Si frullino parzialmente con il minipimer lasciandoli grossolano, si rimettano sul fornello e, prima di spegnerlo nuovamente, s’aggiunga l’uovo e si mescoli bene. Si lavino i peperoni rossi, si taglino a metà per svuotarli dei semi e delle parti bianche, si taglino a strisce e si tengano in acqua fredda. Si facciano rosolare gli agli in olio d’oliva facendo attenzione che non brucino, si uniscano le strisce di peperone e si facciano cuocere per 5 minuti a fiamma viva. Si tagli la mozzarella a fettine. Si versi un mestolino di salsa di pomodoro in una teglia o pirofila da forno rotonda [preferibilmente], si dispongano i peperoni, si coprano con la mozzarella e una bella grattugiata di pecorino. Si ricoprano con la salsa di pomodoro sovrastandola con altro pecorino misto a pangrattato. Si metta in forno la teglia, in forno già caldo a 180°C facondo cuocere i peperoni per 30 minuti abbondanti. Sono buoni tiepidi o freddi.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment