La serie B riabbraccia il Monteroni dopo vent'anni

La Quarta Caffè Monteroni torna in serie B complice la vittoria nei play off contro il Molfetta che ha suggellato una stagione perfetta. A Monteroni è tripudio assoluto.

La serie B non è più un sogno nè un ambizione a Monteroni. La categoria cadetta è diventata realtà per i ragazzi di coach Antonio Lezzi che, dopo aver eliminato nei play-off il Molfetta, ha alzato le braccia al cielo celebrando il ritorno in B dopo vent'anni d'attesa. Una promozione meritata che mette il giusto sigillo ad un campionato vissuto sempre al vertice così come da tradizione l'icona del basket salentino. A tal proposito il presidente della Provincia di Lecce, Antonio Gabellone, ha mandato un messaggio di congratulazioni agli atleti del Quarta Caffè Monteroni approdati nella Divisione Nazionale B. “Ho seguito attentamente in queste settimane -scrive Gabellone – decisive il cammino della Nuova Pallacanestro Monteroni ed è con enorme soddisfazione che ho appreso dell’ultima netta vittoria a Molfetta, che ha consentito ai salentini di staccare in anticipo il biglietto per la storica promozione in Serie B Nazionale. È questo un traguardo atteso da oltre un quarto di secolo per una società di prestigio e dalle grandi competenze tecniche e gestionali, che da anni riesce a seminare anche sul terreno dei valori sportivi, della disciplina e del rispetto delle regole. E i risultati sono arrivati, con la promozione dei cestisti salentini in un campionato di assoluto rilevo, che riporta il basket che conta nella nostra provincia. Al presidente Angelo Perniola, ai tecnici, ai giocatori vanno gli auguri e i complimenti di tutta la Provincia di Lecce”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment