Rime da galeotti

Un omicidio di tanti anni fa

Ovviamente sbaglia chi pensa che la canzone sia solo il ritmo dei palpiti cardiaci d'un amante infelice. Erano cantati i poemi omerici e le gesta dei paladini. Magari prima di una battaglia, tanto per gasare i combattenti. Canzone, insomma, come trasmissione orale. E non solo leggenda, ma storia, cronaca, informazione e controinformazione. Andiamo dunque a recuperare, vista anche la data, un pezzo raro: un canto raccolto da Ernesto De Martino e qui ripreso dal Cantacronache, esperienza madre di tutto il cantautorato italiano del secondo '900. Tono e stile sono da cantastorie (qui soggetti a invadente restauro, però può piacere), tuttavia non si muore a Roncisvalle, ma si scompare di punto in bianco a Roma, sul Lungotevere. “Canto il delitto di quei galeotti / che con gran rabbia vollero trucidare / il deputato Giacomo Matteotti”… Il nome del capo della banda era anche il nome del capo del Governo e la canzone lo denuncia senza mezzi termini. D'altronde lo stesso Mussolini, in un discorso tristemente famoso, si assunse la responsabilità politica, morale e storica di tutto quanto era avvenuto. Prova che la coerenza, certe volte, è un valore decisamente sopravvalutato.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!