Piano Lavoro. La consigliera di Parità attiva un ‘nodo’

Lecce. Lo sportello istituito a Palazzo Adorno offrirà informazioni sulle opportunità attivate per le donne dal Piano regionale

LECCE – L’Ufficio della Consigliera di Parità della Provincia di Lecce ha aderito al progetto “Rete dei Nodi per l’Animazione del Piano del Lavoro” della Regione Puglia, attivando presso l’Ufficio di Palazzo Adorno un Nodo di I livello che offre consulenza gratuita ed orientamento sulle opportunità del Piano straordinario del Lavoro regionale 2011. Il servizio “Nodo della Rete per l’animazione del Piano del Lavoro” arricchisce il quadro delle attività presenti presso l’Ufficio Provinciale della Consigliera di Parità, con uno sportello informativo attivo ed aperto al pubblico. Il Piano ha quali obiettivi prioritari lo sviluppo di nuova occupazione e la salvaguardia di quella esistente, e si articola in sei linee di intervento e 43 azioni specifiche. Una tra le linee ha come obiettivo generale “Il lavoro delle donne” e si caratterizza in sei misure specifiche (Sviluppo dell’imprenditoria femminile, Piccoli sussidi per l’inserimento lavorativo delle migranti, Formazione delle donne ed incentivi all’assunzione, Servizi di conciliazione vita-lavoro, Strumenti di flessibilità del lavoro per le donne e Part time e conciliazione). Attualmente, le opportunità attive a livello regionale, che sono riportate nel portale del Piano del Lavoro (http://www.sistema.puglia.it/portal/page/portal/PianoLavoro/Home), sulle quali sarà possibile ottenere informazioni, sono: Dote Occupazionale, Sostegno Emersione Turismo, Nuove Imprese Innovative 2011, Imprese Innovative Operative 2011, Progetto R.O.S.A, Catalogo Servizi Infanzia e Adolescenza, Progetti per l’Inclusione Sociale, Alleanze per l’Innovazione ed altri bandi di prossima pubblicazione.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment