Boxe: Santoro vs Mancuso, un pari inatteso

Il primo pareggio di Antonio Santoro tra i professionisti arriva al “Palazumbo” di Brindisi a cospetto di Angelo Mancuso. Prossimo appuntamento il 7 luglio a Gorizia.

Si interrompe al “Palazumbo” di Brindisi la striscia positiva di Antonio Santoro. Il ventinovenne della scuola Boxe Iaia ha pareggiato contro Angelo Mancuso al termine di un match avaro di spettacolo ed emozioni. Dopo sei vittorie in altrettanti incontri, il pari decretato al termine dei sei round ha il sapore della sconfitta per il boxeur leccese, consapevole di aver mancato il “settebello” al cospetto di un avversario valido ma alla portata. L’andamento del match non ha vissuto particolari sussulti mettendo in luce un Santoro non in perfette condizioni fisiche e uno sfidante abile a rispondere di rimessa agli attacchi asfittici del campione salentino. La mezza debacle di “El Dinamyte” rappresenta un piccolo passaggio a vuoto che, ad ogni modo, non compromette il cammino verso il sogno tricolore. Un pareggio che nonostante abbia deluso le aspettative della piazza, consente a Santoro di mantenere l’imbattibilità dallo scorso 11 giugno (data d’esordio nella boxe professionistica) e di rimanere in pianta stabile tra i primi venti nomi del ranking nazionale della categoria dei pesi welter. Numeri a parte, la rivedibile performance del “Palazumbo” porta in grembo delle attenuanti non da poco per Antonio Santoro: “A poche ore dal gong ho avuto un calo fisico che ne ha condizionato la prestazione. Già da alcuni giorni accusavo un raffreddore, ma nonostante le precarie condizioni di salute sono salito sul ring con l’intento di dare spettacolo e imporre la mia boxe. Non ci sono riuscito per come avrei voluto, ma già da adesso penso al prossimo incontro datato 7 luglio che disputerò a Gorizia. Nella città di Primo Carnera mi rifarò con gli interessi”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!