Lecce di destra è asociale?

Dilemmi ed analisi del dopo-voto. Nel prima-del-voto ignorati laicità, riconoscimento delle coppie di fatto e testamento biologico

Di Giacomo Grippa Pongo un quesito e la sparo grossa: Lecce è di destra, ed è di destra perché asociale? Nel senso di una prevalenza o costanza dell'individualismo, dell'arrembaggio, affarismo e parassitismo. Il tema l' ho affacciato in coda al mio intervento all'incontro per un commento sul dopo-voto nella sede dei gruppi Sel-sinistra radicale. Aveva proposto un'analisi della macchina clientelare del centro-destra leccese. Ne è venuta subito fuori la inevitabile precisazione o riproposizione del dilemma con: se l'avversario stravince, vuol dire che vince non solo col clientelismo. Certo la destra risponde ai bisogni dell'utenza comunale che sono i cittadini col rapporto feudale-clientelare, humus ancora fertile. La sinistra dovrebbe invece rendere prevalente la politica dei diritti o per i diritti. Ma se il voto è coartato con il più turpe condizionamento, ed è corroborato dalla solidificazione degli interessi locali, in questa solidificazione c'entrano i circoli massonici, gli ambienti clericali, i costruttori della Lecce del Futuro? Ne dovremmo trarre che Lecce è di destra, perché consustanzialmente asociale. La diversità, l'alternativa, il contrappeso o l'antidoto a questa asocialità si costruisce e deve affermarsi non solo in quanto immuni dal coinvolgimento di un interesse personalistico con il richiamo della Mongolfiera clientelare. Quindi diversità va intesa non solo come coerenza, stile e moralità, ma come agenti, alleati, appartenenza e rappresentanti di tutti, insieme agli ultimi. Con questa ottica o consapevolezza le denunce non sono solo moralismo o scandalismo, ma indispensabili, necessarie e incalzanti giorno dopo giorno…del resto è ciò che usa fare o sa fare il centro-destra quando si trova ad essere minoranza e opposizione. A proposito di capacità di proposte coerenti con le nostre concezioni democratiche e quindi progressiste: come mai nella battaglia elettorale sono rimasti silenziati i temi della laicità, del riconoscimento delle coppie di fatto e del testamento biologico?

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!