Stella d’Italia. Parte la marcia pugliese

Santa Maria di Leuca. La marcia a piedi partirà oggi da Leuca per arrivare il prossimo 5 luglio a L’Aquila

SANTA MARIA DI LEUCA – La Puglia, e il lembo estremo del territorio pugliese, saranno attraversati a partire da oggi da un turismo speciale. Un trekking che muoverà da Santa Maria di Leuca e percorrerà il braccio del Sud Est di “Stella d'Italia”. Alla partenza parteciperanno alcuni redattori del portale “Primo amore” e lo scrittore Tiziano Scarpa. La via è segnata e condotta da SpeleoTrekkingSalento: da Santa Maria di Leuca si procede per Ugento, alla scoperta di un mare cristallino con una sabbia sottile e bianca, quindi Gallipoli, Nardò, San Pietro in Bevagna, Pulsano, Taranto, dove i “camminanti” saranno accolti dal locale Presidio del Libro. L'arrivo è prevuisto il prossimo 5 luglio a L’Aquila. “Accogliamo con grande emozione la scelta di venire qui da noi, nel Salento e in Terra Ionica, nella nostra antica Magna Grecia – ha commentato l’assessora regionale al Turismo Silvia Godelli -. La Puglia è luogo elettivo per il turismo lento, che coniuga la scoperta del territorio con la dimensione culturale, che qui da noi è contrassegnata da una storia tra le più antiche del mondo. In questi tempi durissimi, e con il pensiero alle popolazioni emiliane colpite dal terremoto, i cammini a piedi evocano le radici profonde della terra e dei suoi uomini, e ci restituiscono un sentimento di speranza nel nostro comune domani”. 5 maggio 2012 Stella d’Italia. Riunire l’Italia, camminando MESSINA – L’impresa è di quelle ambiziose: riunire l’Italia. Il metodo scelto, anche: percorrerla a piedi. Camminare alla scoperta dei luoghi meno noti e meno frequentati della penisola e intanto raccontarsi e raccontare, denunciare o decantare problemi o eccellenze del proprio territorio. Non è una semplice iniziativa turistica, ma un potente motore nella cui scia potranno inserirsi tutti coloro che abbiano in comune una visione più ampia del loro essere al mondo. E’ l’iniziativa “Stella d’Italia”: un grande spostamento a piedi, di menti e di corpi, che partirà da diverse zone geografiche del Paese: dal nord, dal centro e dal sud, con percorsi che assumeranno la forma dei bracci di una stella e che convergeranno su L’Aquila, città che, oltre a trovarsi in una posizione centrale sul territorio nazionale, rappresenta anche il bisogno e desiderio di ricostruzione. “Stella d’Italia” arriva dopo l’esperienza di “Cammina Cammina” dello scorso anno (impresa ideata dallo scrittore Antonio Moresco e promossa dalla rivista “Il Primo amore”), realizzata grazie a oltre 700 persone tra donne e uomini che dal 20 maggio al 4 luglio hanno compiuto un viaggio a piedi da Milano a Napoli per ricucire l’Italia con i propri passi (http://camminacammina.wordpress.com). Ma l’impresa 2012 è anche di più: da oggi fino al 5 luglio 2012 i “camminanti” attraverseranno molti Comuni grandi e piccoli e cercheranno, in dialogo con associazioni e amministrazioni sensibili al bisogno di rigenerazione, di far vivere – anche attraverso incontri pubblici da tenere alla fine di alcune tappe – tutta la forza antica e nuova del tessuto comunale del Paese. Il cammino muoverà da Messina, da Reggio Calabria, da Venezia, da Genova, da Santa Maria di Leuca e da Roma (grazie alla collaborazione con la Lunga marcia per L’Aquila organizzata per il 30 giugno dal comitato “Lunga Marcia per L’Aquila”) secondo un preciso calendario che prevede una marcia distribuita su 60 giorni tra la primavera e l’estate 2012. La partenza del “cammino” pugliese è prevista per il 2 giugno da Leuca. Le altre partenze sono previste oggi da Messina, il 12 maggio da Reggio Calabria, il 25 maggio da Venezia, il 27 maggio da Genova. Inoltre, grazie all’iniziativa promossa dal comitato “Lunga Marcia per L’Aquila”, ci sarà anche un braccio della Stella che partirà il 30 giugno da Roma (Montecitorio). // I fuochi dell’Aquila. Da terremotati a terremotanti Alla fine del lungo cammino che porterà i camminanti da ogni parte nella città di L’Aquila, facendola diventare la capitale sentimentale d’Italia. Dal 5 all’8 luglio prossimo nella città abruzzese si svolgerà, in collaborazione con le tante associazioni e istituzioni regionali, un incontro internazionale che avrà al centro l’esperienza del terremoto, inteso come l’epoca presente caratterizzata da incognite in cui è tutto da ripensare e da reinventare. In quest’ottica verrà organizzata una kermesse che declini il termine “terremoto” in cinque aree tematiche individuate (anche queste come le punte di una stella): acqua e territorio; lavoro e economia; educazione e cultura; scienza; salute. Ognuna delle macroaree occuperà un diverso angolo del centro storico della città e ospiterà eventi di diverso tipo tra cui incontri con personaggi di spicco, letture, concerti, spettacoli, racconti di esperienze, feste, semplici momenti di riflessione collettiva. // Gli eventi lungo il cammino Lungo il cammino Stella d’Italia entrerà in alcune piccole o grandi città, borghi e paesi e in qualcuno si stanno programmando momenti di incontro tra la Stella e gli abitanti locali. Quelli già fissati sono: l’8 giugno a Lucca, dove si svolgerà un incontro di racconti e lettura; il 9 giugno a Taranto, dove, in collaborazione con l’associazione Presidi del Libro si svolgerà un incontro con le realtà culturali della zona; il 13 giugno a Matera, nei Sassi, dove avrà luogo una lettura diffusa di autori e lettori; il 25 giugno ad Assisi, presso la Rocca Maggiore, dove si terrà una lettura collettiva di alcune tra le pagine più suggestive della letteratura italiana. Altri appuntamenti potrebbero essere fissati nei prossimi giorni. // Il cammino pugliese Ecco la scaletta della marcia in partenza dalla Puglia: 2 giugno: partenza da Santa Maria di Leuca 8 giugno: arrivo a Taranto 9 giugno: fermi a Taranto 10 giugno: partenza da Taranto 12 giugno: arrivo a Matera 13 giugno: fermi a Matera; i bracci della Stella dal sud si congiungono 14 giugno: l’unica colonna parte da Matera per l’Aquila 5 luglio: arrivo a L’Aquila per il Tratturo Magno // Iscrizioni Per le iscrizioni si può contattare la mail [email protected] oppure telefonare alle referenti pugliesi Emma Cortellini (370.3037876) ed Irene Greco (335.5892711). Per adesioni o sostegno a Stella d’Italia o info sugli eventi, scrivere a: [email protected] La partecipazione a Stella d’Italia non prevede alcuna tassa di iscrizione. E’ richiesta invece la quota assicurativa obbligatoria di 3 euro liquidabile all’inizio di ogni tappa o (per più di una quota contemporaneamente) con versamento sul conto corrente postale (info da richiedere a [email protected]). La quota permette anche di diventare “Amici di Stella d’Italia”, ovvero aderenti e sostenitori di Stella d’Italia. Le persone che faranno il versamento della sola quota di iscrizione o di sostegno più ampio (da 3 euro in su) saranno aggiunte agli “Amici” e potranno seguire come vengono eventualmente impiegati i fondi donati direttamente sul sito.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!