Arrosto di maiale al latte

Ecco un secondo gustoso ed adatto ad ogni stagione

La lonza di maiale si può mangiare anche in estate perché è un pezzo di carne assolutamente magro, più di certa carne di vitello o di manzo. Naturalmente dovrete avere cura di pulirla bene da eventuali grasselli non tolti nel corso dei tagli. // Ingredienti (per 4 persone) un pezzo di lonza di maiale di circa un chilo burro olio extravergine d’oliva salvia una piccola carota mezza cipolla un rametto di rosmarino mezzo spicchio d’aglio 1 litro di latte caldo il sale necessario pepe nero al mulinello // Preparazione Si massaggi la lonza di maiale con sale e pepe nero macinato di fresco, quindi si metta a rosolare in poco burro e olio extravergine fin quando si sia formata una bella crosticina intorno. Si tritino tre foglie di salvia con una piccola carota, mezza cipolla, un po’ di rosmarino e mezzo spicchio d’aglio; si unisca il trito alla carne lasciandola cuocere qualche minuto, poi si aggiunga tutto il latte bollente. Si tenga sul fornello per un’ora e un quarto a fuoco basso e pentola incoperchiata. Di tanto in tanto si rigiri la carne. Cotta che sia la carne, si tolga dalla casseruola e con il minipimer si frulli la salsa rimasta nella casseruola. Si tagli la carne a fette non tanto spesse e si servano con la gustosa salsa trasformata in crema. S’accompagni con tocchetti di patate lessate al 50% e poi saltate in una padella antiaderente con poco olio d’oliva ed un mazzetto aromatico di timo e rosmarino con uno spicchio d’aglio.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment