Terremoto. Tecnici pugliesi pronti per le verifiche

Bari. La Regione Puglia ha messo a disposizione dell’emergenza 40 professionisti pronti a fornire il proprio contributo in Emilia

BARI – La Puglia è pronta per dare il suo contributo alle popolazioni dell’Emilia Romagna colpite da terremoto. L’assessore regionale alla Protezione civile Fabiano Amati ha infatti comunicato al Dipartimento nazionale di Protezione civile, ai coordinamenti locali e delle regioni, i nomi di 30 tecnici verificatori della stabilità degli edifici, oltre a quelli di altri nove tecnici esperti in beni culturali, pronti a fornire le proprie professionalità per fronteggiare le conseguenze del terremoto che ha colpito l'Emilia Romagna. “Abbiamo inoltre organizzato una colonna mobile utile all'accoglienza di 200 persone – ha detto Amati -. Per partire attendiamo ora le disposizioni dei coordinamenti locali presenti in Emilia Romagna”. L’assessore ha spiegato che la predisposizione dell'elenco dei tecnici disponibili è avvenuta con la collaborazione degli Ordini professionali degli Ingegneri, degli Architetti e dei Geologi, e sta coinvolgendo la disponibilità di professionisti tecnici incardinati presso il Genio civile regionale, l'Autorità di Bacino e tutte le amministrazioni pubbliche. “I circa 40 tecnici pronti a partire rappresentano solo una prima parte delle numerose professionalità pronte a fornire servizio a supporto dei tecnici impegnati in Emilia Romagna. Anche la nostra colonna mobile a disposizione delle popolazioni emiliane – ha concluso l'assessore – è pronta a partire, organizzata con la collaborazione di diverse associazioni di volontari della Protezione civile e composta con tende e brande, idonee all'accoglienza di circa 200 cittadini sfollati”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!