La Juve dopo Buffon

Adolfo Maffei scrive al portierone nazionale, travolto dallo scandalo del calcio-scommesse. Per puntate da un milione e 500mila euro

Caro Buffon, portiere della (mia) Juve e della (mia) nazionale. La GdF ha accertato che hai scommesso 1.5 milioni di euro nel 2010. Che avessi questo hobby lo si sapeva ma essere arrivato a toccare questi picchi riqualifica l'hobby (comunque discutibile per un padre di famiglia normale) in pessimo vizio, che è la mamma di tante brutte conseguenze. Come la corruzione. Sull'ennesima compiacente intervista su un grande giornale, hai di recente sdegnosamente e orgogliosamente ricacciato indietro i sospetti, espressi sul web a centinaia, che non fosse del tutto involontario il tuo grossolano errore che permise al Lecce di pareggiare, alla fine del campionato. Se la GdF accertasse (e spero che lo faccia oggi stesso) che su quella gara hai puntato i “soliti” 100.000 euro, la media ufficiale della notizia iniziale, spero per te, per la Juve e per la nazionale che quella scommessa l'hai persa. Un pareggio così clamoroso ha fatto la fortuna di moltissimi scommettitori in mezzo mondo. E tu nei stato il loro eroe, quella domenica. Quindi, come la mettiamo? Alziamo le spalle anche stavolta e invochiamo la lesa maestà pallonara, come se quello calcistico fosse veramente un altro mondo, nel quale i valori possono essere anche disvalori e il buonsenso comune cazzate da bar? No, caro “portierone”. Non ti permetto neanche di pensarlo. Come cittadino italiano, prima e sopra tutto, poi come tifoso. La Juve resterà anche dopo di te, come è ancora viva e vincente dopo Moggi. Adolfo Maffei

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!