Architettura salentina. La mostra arriva a Monopoli

Monopoli. L’esposizione promossa dall’Osservatorio provinciale paesaggio architettura arte Salento varca i confini provinciali

MONOPOLI – La mostra “10 anni di architettura pubblica e privata nel Salento”, promossa dall’Osservatorio provinciale paesaggio architettura arte Salento – paaS, dopo San Francesco della Scarpa, approda al Castello di Monopoli (Bari). L’evento è realizzato grazie alla collaborazione di paaS, Osservatorio Provinciale Paesaggio Architettura Arte Salento, Osservatorio Urbanistico Teknè, Centro studi Punto a Sud Est, associazione culturale Spazi Aperti, associazione GAB (Giovani Architetti della Provincia di Bari), e Comune di Monopoli – Assessorato alla Cultura. In particolare, la mostra si divide in tre sezioni: “Premio Teknè 2005-2011”, Processi di contestualizzazione dell’arte urbana, a cura dell’Osservatorio urbanistico Teknè; “MAS ‘10”, Monitoraggio Architettura Salento 2010, 70 opere di architettura realizzate negli ultimi 10 anni nel Salento, a cura del Centro Studi Punto a Sud Est; “L’architettura sostenibile. Progetti e progettualità”, a cura dell’associazione culturale Spazi aperti. L’inaugurazione della mostra, prevista per le ore 18, sarà preceduta da un tavolo di approfondimento in cui interverrà la vice presidente ed assessore alla Cultura della Provincia di Lecce Simona Manca, insieme al sindaco di Monopoli Emilio Romani, all’assessore alla Cultura del Comune di Monopoli Rosanna Perricci, al presidente dell’Ordine degli Architetti della provincia di Bari Vincenzo Sinisi, al vice coordinatore nazionale GiArch – Giovani Architetti Italiani Palma Librato, al curatore della mostra Osservatorio paaS Alfredo Foresta e al presidente di Ance Puglia Salvatore Matarrese. Le conclusioni dell’incontro sono affidate all’assessore regionale alla Qualità del Territorio, Urbanistica e Musei Angela Barbanente. La mostra è il frutto del protocollo d’intesa sottoscritto, lo scorso 20 aprile, relativo alla costituzione dell’Osservatorio paesaggio architettura arte Salento paaS. A siglarlo furono Antonio Gabellone, presidente della Provincia di Lecce, Giuseppe Schiavone dell’Osservatorio Urbanistico Teknè, Alfredo Foresta del Centro Studi Punto a Sud Est e Antonella Perrone dell’associazione culturale Spazi Aperti. L’Osservatorio paesaggio architettura arte Salento paaS nasce dall’impegno della Provincia di Lecce che, d’intesa con l’Osservatorio Urbanistico Teknè, il Centro Studi Punto a Sud Est e l’associazione culturale Spazi Aperti, lo ha promosso e realizzato con l’obiettivo di dotarsi di uno strumento di supporto tecnico scientifico alle pubbliche amministrazioni, agli enti privati e ai singoli cittadini, per studiare e valorizzare il territorio salentino attraverso l’arte e l’architettura contemporanea, attraverso la promozione della qualità del progetto e dell’opera architettonica e urbanistica. Le azioni principali dell’Osservatorio sono rivolte, in particolare, a sensibilizzare le pubbliche amministrazioni della provincia di Lecce verso la tutela del paesaggio e verso la qualità della nuova architettura; sensibilizzare l’opinione pubblica in materia di urbanistica, di arte e architettura sostenibile; supportare le amministrazioni nella progettazione e nella organizzazioni di Piani di riqualificazione urbana e contestualizzazione dell’architettura e dell’arte contemporanea. Ed ancora, a monitorare e censire gli interventi pubblici e privati realizzati del Salento negli ultimi decenni; diffondere e formare sul tema della qualità del progetto e dell’opera architettonica e urbanistica; istituire un ufficio concorsi di architettura per supportare le pubbliche amministrazioni nelle procedure di organizzazione dei concorsi stessi. L’Osservatorio è coordinato e presieduto dal presidente della Provincia di Lecce. La mostra di architettura “10 anni di Architettura Pubblica e Privata nel Salento” rappresenta una sorta di importazione e messa a conoscenza di una buona pratica, che si conduce nel Salento e che rientra nei temi del Festival dell’Architettura Pugliarch 2012, dal titolo “Slow Architecture”, che si terrà a Bari dal 20 al 23 settembre 2012, di cui è un’anteprima.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment