Se il funerale è un invito a nozze

I mille e più rivoli con cui si alimenta il mercato dei decessi

Tutto ha precise tariffe, fissate da accordi non scritti. La consuetudine vuole che chi avvisi l’agenzia di pompe funebri sia ricompensato con 500 euro. Le crude rivelazioni di alcuni impresari che hanno mantenuto l’anonimato, parlano di infermieri di reparti ad alta mortalità e addetti alle ambulanze. Una cosa è certa: a farne le spese sono i parenti. Che tra mazzette “tutto-compreso” e mille optional, non sanno a che santo votarsi. Resta solo da pagare. Salato

I mesti rintocchi di campane annunciano la Morte. Affetti cari che si separano e cerimonia funebre che si prepara. Il pianto dei parenti durante i funerali, i manifesti a lutto sulla via, il prete, il carro e la bara che si allontana. Tutto liscio come la Provvidenza ha disposto oppure qualcosa non gira? Qualcuno ne approfitta? Chi avrebbe immaginato che la morte di un parente potesse aprire la porta a speculazioni di ogni tipo? Lacrime che si aggiungono alle lacrime, nei momenti di più intimo dolore. Un vero e proprio “mercato del caro estinto” che scorre come un fiume carsico, senza regole; dove c’è spazio per la violenza e per gli sciacalli. E’ triste dover parlare di funerali, di cimiteri, di loculi e di corone. Consideriamola una licenza che ci concediamo solo nel mese di novembre. Per onorare i nostri defunti nei giorni della loro commemorazione, ma anche per tenere gli occhi sempre aperti sulla realtà di chi resta in questa valle di lacrime. Sì, perché, soprattutto in questo mestiere, quello delle “Onoranze funebri”, non è tutto rose e fiori, mestizia e bontà. Le magagne e gli abusi non mancano e sono lacrime che, neanche a dirlo, bagnano le spalle dei parenti del morto, sempre disposti a credere che “nessuno penserebbe mai di fregarli in questi frangenti”. E, invece. Anzi, la fantasia e l’ingordigia non hanno limiti. A cominciare da chi è vicino, troppo vicino, a chi rende l’anima al cielo: l’infermiere in corsia, che tra un’iniezione e una flebo, conosce bene lo stato di salute del paziente e “vigila” sulle sue condizioni. Soprattutto nei reparti più “produttivi”. Come rianimazione, geriatria, terapia intensiva, cardiologia, lungodegenza, oncologico, medicina; si tratta in genere di anziani, di soggetti scompensati o incidentati. (continua in edicola sul Tacco d'Italia di novembre)

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!