Gli alunni di Casarano, ‘paladini della differenziata’

Roma. L’istituto comprensivo Polo 2 vince il concorso nazionale indetto dal Consorzio Obbligatorio degli Oli Usati

ROMA – I “Paladini della differenziata” più bravi d’Italia sono a Casarano. Gli alunni delle classi V sez. A/B dell’Istituto Comprensivo Polo 2 hanno vinto il primo premio del concorso nazionale per le scuole elementari realizzato dal Consorzio Obbligatorio degli Oli Usati, con la collaborazione di Legambiente e il patrocinio dei Ministeri dell’Istruzione e dell’Ambiente. Da ottobre a maggio, il COOU ha invitato gli studenti delle classi iscritte al progetto “Scuola Web Ambiente” a vestire i panni di paladini della tutela ambientale, realizzando una campagna di sensibilizzazione sull’importanza della raccolta differenziata rivolta ai propri concittadini. Gli alunni di tutta Italia si sono sfidati a colpi di fantasia, creando disegni, depliant, locandine e poster corredati a scelta di foto o di uno spot promozionale. I lavori prodotti sono stati valutati da un comitato tecnico-scientifico composto da rappresentanti del Consorzio Obbligatorio degli Oli Usati, dei ministeri dell’Istruzione e dell’Ambiente, di Legambiente e da un esperto di comunicazione ambientale e di grafica pubblicitaria. Il video promozionale realizzato dai bambini dell’I.C. Polo 2 di Casarano ha colpito la giuria per la fantasia, l’originalità e la serietà mostrata dagli alunni nell’affrontare un tema delicato come quello della raccolta differenziata. Eccolo: Con il progetto “Scuola Web Ambiente” il Consorzio Obbligatorio degli Oli Usati regala alle classi iscritte un sito Internet attraverso il quale affrontare gli argomenti ambientali più rilevanti all’interno del loro territorio, confrontandosi con gli alunni di tutta Italia: negli ultimi anni è nata una vera e propria “comunità virtuale” formata da più di 600 classi sparse su tutto il territorio nazionale. Per aderire basta inviare una e-mail all’indirizzo [email protected], indicando il nome dell’istituto, del docente di riferimento e i recapiti telefonici.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!