‘Una città che rifiuta i rifiuti’. Learning coffee a Maglie

Maglie. Ospiti Nello De Padova e Lella Miccolis. Tra i moderatori, il presidente dell’associazione Learning Cities Antonio Massari

MAGLIE – Approdano in Salento i “Learning Coffee” organizzati dall'associazione di promozione sociale “Learning Cities-Rete per le Comunità che Apprendono”, insieme ai Comuni pugliesi, all'interno del percorso “Verso Venezia 2012”, cioè verso la III Conferenza Internazionale sulla Decrescita per la sostenibilità ecologica e l’equità (http://www.venezia2012.it/) dal titolo “Grande transizione. La decrescita come passaggio di civiltà”. Oggi alle ore 17 presso il complesso museale L'Alca, il quarto appuntamento con i Learning Coffee del ciclo 2012 proporrà ai partecipanti riflessioni e dibattiti sul tema: “Una città che rifiuta i rifiuti”. Sono pochi ma importanti i passi che deve compiere una città per diventare virtuosa nella gestione dei rifiuti: promuovere la raccolta separata dell'umido e la produzione di compost domestico; favorire la vendita di prodotti sfusi e la riconsegna ai venditori degli imballaggi; estendere gli incentivi per la rottamazione a nuovi prodotti, così da evitare che finiscano in discarica. A “mettere in crisi” i partecipanti saranno il curatore scientifico del ciclo dei Learning Coffee, Nello De Padova, esperto di buone prassi della Pa e di decrescita, autore del libro “DePILiamoci” (Editori Riuniti), e l'esperta Lella Miccolis, titolare della Progeva, azienda di Laterza (Ta) che si occupa di fabbricazione di concimi e di composti azotati associati, fertilizzanti e compost. La Progeva vanta una importante esperienza nel recupero e riuso dei rifiuti organici con l'obiettivo di “risparmiare risorse a partire da ciò che esiste già”. Tra i moderatori sarà presente il presidente dell’associazione Learning Cities Antonio Massari, al quale potranno rivolgersi i rappresentanti di altri Comuni interessanti ad ospitare sui propri territori nuovi appuntamenti con i Learning Coffee nei mesi di giugno e luglio.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment