Lisi: ‘Agevolazioni fiscali a chi sostiene la cultura’

Roma. La proposta di legge presentata dal deputato salentino all’obiettivo di agevolare l’investimento nel settore culturale

ROMA – Incentivare la partecipazione del settore privato a progetti a sostegno del mondo della cultura e dello spettacolo così come avviene nei principali Paesi industrializzati. È questo lo scopo della proposta di legge presentata ieri dal deputato salentino del Pdl Ugo Lisi insieme ai colleghi Meloni, Farina, Beccalossi e De Corato. Obiettivo è quello di agevolare l’investimento prevedendo maggiori agevolazioni fiscali e maggiori semplificazioni per il riconoscimento dei benefici. “L’iniziativa di legge – spiega Lisi – intende creare un quadro completo e organico di incentivi di cui i contribuenti possono usufruire nel momento in cui decidano di finanziare attività a scopo culturale. Nello specifico, per quanto riguarda l’imposta sul reddito delle persone fisiche (Irpef), in relazione alla promozione e valorizzazione dei beni di interesse artistico, storico e paesaggistico, si sostituisce il meccanismo della detrazione con quello della deduzione integrale. Riguardo, poi, l’imposta sul reddito delle società (Ires) la proposta prevede la detassazione delle erogazioni liberali. Tali agevolazioni saranno integrali per gli enti riconosciuti per la valorizzazione del patrimonio artistico e nei limiti del 5% per gli enti di promozione della cultura e dello spettacolo. Infine, per i soggetti sottoposti a Irpef e Ires si modifica l’ambito soggettivo dell’art 14 comma 1 del decreto legge nr. 35 del 2005, sostituendo le associazioni e le fondazioni riconosciute aventi per oggetto statutario la tutela, la promozione e la valorizzazione dei beni di interesse artistico, storico e paesaggistico perché già comprese con gli enti, le istituzioni pubbliche, le fondazioni e le associazioni legalmente riconosciuti senza scopo di lucro operanti nel settore della cultura e dello spettacolo e si modificano i limiti di deducibilità previsti dall’articolo succitato, prevedendo l’aumento a 15% (ora al 10%) del reddito complessivo dichiarato e, comunque, nella misura massima di 100mila euro. Questo l’impianto generale che dovrà poi essere coordinato da una nuova normativa in materia di semplificazione amministrativa e di autocertificazione dei requisiti per l’ottenimento delle agevolazioni”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment