La Commissione: ‘Un ufficio unico contro il lavoro nero’

Lecce. Il presidente della Commissione per l’emersione del lavoro non regolare lancia un appello per risolvere lo sfruttamento nelle campagne

LECCE – Costruire una piattaforma programmatica condivisa e capace di individuare e rafforzare azioni necessarie. È questo l’appello che la Commissione provinciale per l’emersione del lavoro non regolare lancia a tutte le sigle sindacali e imprenditoriali, con l’obiettivo di porre rimedio allo sfruttamento in nero degli extracomunitari nelle campagne salentine e, in particolare, neretine. “Basta visitare le campagne, le coltivazioni ortofrutticole, i frutteti, le serre ed i vigneti della provincia e del territorio di Nardò – ha dichiarato il presidente della Commissione provinciale Toni Dell’Anna – per rendersi conto che il comparto continua a reggersi sul lavoro di braccianti, per la maggior parte stranieri, senza contratto, senza diritti, sconosciuti allo Stato perché anche clandestini. Dal caporalato nelle campagne alla green economy, lo sfruttamento del lavoro nero non si esaurisce, ma si rinnova e si trasforma. Per questo è necessaria una cooperazione tra istituzioni, imprenditoria e sindacati, affinché si possano mettere in evidenza situazioni di lavoro sommerso e di sfruttamento della manodopera irregolare”. “Più concertazione tra soggetti istituzionali – ha aggiunto Dell’Anna – , ma anche più controlli, grazie alle forze dell’ordine, impegnate da sempre nella lotta al caporalato. Le associazioni di volontariato, i sindacati e la forze dell’ordine non bastano se ogni hanno riviviamo e rivediamo il solito film o documentario sullo sfruttamento. Auspico un ufficio unitario di interfaccia tra domanda e offerta per l’assunzione di braccianti, da ubicarsi presso il Centro per l’impiego o direttamente, nell’esempio di Nardò, presso la stessa Masseria Boncuri, affinché gli extracomunitari non si affidino più ai caporali, ma ad una struttura che faccia da intermediazione per la legalità e i diritti dei lavoratori”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment