Inaugurazione dell’auditorium. Il Pd: ‘Invitate le istituzioni sbagliate’

Casarano. Alla manifestazione non sarebbero stati invitati proprio i rappresentanti istituzionali che hanno contribuito al progetto

CASARANO – La tanto attesa inaugurazione dell’auditorium comunale è arrivata; la cerimonia ufficiale si terrà infatti martedì prossimo. Tuttavia il Pd lamenta una scarsa informazione da parte della commissaria Ocello la quale avrebbe, tra l’altro, invitato al taglio del nastro solo la prefetta di Lecce ed il presidente della Provincia ignorando proprio le istituzioni che si sono impegnate nel progetto di recupero, tra cui la Regione. “Siamo soddisfatti che finalmente l’auditorium sarà restituito alla città – si legge in una nota del partito – ma non possiamo esimerci dal sottolineare alcuni aspetti a nostro parere poco chiari. A partecipare alla manifestazione sono stati invitati il prefetto di Lecce e il presidente della Provincia di Lecce. Non pretendevamo che la commissaria invitasse gli amministratori che il 21 giugno 2007 firmarono il protocollo d’intesa con Bollenti Spiriti per il finanziamento del progetto di recupero dell’ auditorium. Ci saremmo aspettati che a partecipare all’inaugurazione fossero almeno invitati i rappresentanti del raggruppamento di associazioni che hanno partecipato al bando per la gestione dell’auditorium, ma le associazioni non sono a conoscenza di alcuna inaugurazione. Ci saremmo aspettati, per una forma di delicatezza e garbo istituzionale – si legge nel comunicato -, l’invito del funzionario regionale di Bollenti Spiriti Francesco Nicotri, dell’assessore regionale alle Politiche Giovanili Nicola Fratoianni e del presidente regionale Vendola, invece, a tagliare il nastro sarà il presidente Gabellone che sinceramente non capiamo a che titolo partecipi considerato che il finanziamento non è provinciale ma regionale. Forse la commissaria preferisce una parte politica anziché l’altra dimenticando il principio di imparzialità delle istituzioni”?

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment