Bomba a scuola. L’ex militare non è indagato

Brindisi. Il primo sospettato è Raffaele Niccoli, 63 anni, ex militare dell’aeronautica

BRINDISI – Il primo nome a trapelare è quello di Raffaele Niccoli, 63 anni, ex militare dell’aeronautica, coinvolto già negli anni Novanta in un’indagine giudiziaria. Sarebbe lui il primo sospettato, anche se i militari hanno smentito la voce che ci siano già degli indagati. Ma dopo essere stato più volte ascoltato dagli inquirenti, tra sabato ed oggi, oggi il 63enne è stato rilasciato senza alcun provvedimento a suo carico. Lui ha dichiarato che si trovava fuori Brindisi al momento dell’esplosione. 21 maggio 2012 Bomba a scuola. Le telecamere hanno ripreso il killer BRINDISI – Avrebbe posizionato la bomba nel punto prestabilito e poi sarebbe andato via. Senza neppure voltarsi a vedere le conseguenze del suo gesto. Si stringono attorno ad un unico sospetto le indagini degli inquirenti sull’esplosione di sabato scorso davanti alla scuola Morvillo Falcone di Brindisi: l’uomo ripreso dalle telecamere di sorveglianza di un chiosco per la vendita di panini e bibite posizionato nei paraggi. Avrebbero immortalato le sequenze dell’accaduto, riprendendo prima una scena vuota, dove si vede solo una saracinesca chiusa;

attentato scena vuota

poi un uomo in blazer scuro e pantaloni chiari, presumibilmente sulla sessantina, claudicante, che si avvicina e verosimilmente schiaccia il pulsante che dà il via alla deflagrazione;

attentato Brindisi

poi lo stesso uomo che si allontana indifferente.

attentatore va via

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!