Bomba a Brindisi. Le foto della tragedia

IL REPORTAGE. Brindisi. Ecco le scene dell'attentato di sabato scorso alla scuola Marvillo Falcone in cui ha perso la vita Melissa Bassi

BRINDISI – Sabato 19 maggio 2012. Tre bombole di gpl da 15 kg vengono strette tra di loro e collegate ad un timer.

bomba Brindisi

L'ordigno, dal già grande potenziale esplosivo, viene reso ancora più pericoloso: viene collocato all'interno di un cassonetto per la raccolta differenziata di colore blu e appoggiato sul muro esterno della scuola, in corrispondenza del ceppo di commemorazione di Giovanni Falcone e Francesca Morvillo, ai quali la scuola è intitolata.

scuola insegna Morvillo Falcone

Esplode all'orario d'entrata delle ragazze nell'istituto. Melissa Bassi, 16 anni, perde la vita. Altre ragazze vengono ferite gravemente. Da quel momento, è il caos.

scuola Brindisi bomba

Sul posto accorrono vigili del fuoco e tutte le forze dell'ordine.

vigili del fuoco al lavoro
vigili controllano il traffico
bomba assembramento polizia

Nell'esplosione, parti dell'ordigno colpiscono la saracinesca dell'attività nei paraggi. L'impatto è talmente violento che la lamiera della saracinesca si taglia come fosse di burro.

squarcio saracinesca
squarcio saracinesca 2

Alcune frantumi oltrepassano il muro della scuola e finisco all'interno del recinto.

frantumi nella scuola
frantumi nella scuola 2
frantumi nella scuola 3

L'attività della Scientifica è incessante; ogni dettaglio è utile a ricostruire i fatti.

Scientifica dentro la scuola
Scientifica dentro la scuola 2

Le compagne di scuola di Selena e Vanessa, ferite dall'esplosione. Vestono i camici verdi per poter entrare nella sala dell'ospedale “Perrino” di Brindisi a salutare le amiche.

amiche di Selena e Vanessa

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment