False diagnosi per truffare lo Stato

Lecce. Quattro ginecologi ai domiciliari per aver provocato un danno di 200mila euro al Servizio sanitario nazionale tramite l’attestazione di false patologie

LECCE – Ci sarebbe anche l’ambulatorio medico “Amalthea” di Lecce tra i quattro presi di mira nelle scorse ore dai carabinieri del Nas di Bari. L’operazione si è conclusa con l’arresto, in regime di domiciliari, di quattro ginecologi specializzati nella cura dell'infertilità i quali avrebbero attestato false diagnosi di patologie per permettere alle aspiranti mamme di usufruire dei farmaci necessari a carico del servizio sanitario. I quattro medici arrestati rispondono di truffa aggravata ai danni dello Stato e falso e, secondo gli inquirenti, avrebbero prodotto al Servizio sanitario nazionale un danno di oltre 200mila euro. Oltre all’ambulatorio leccese, i controlli si sono svolti anche presso il “San Luca” di Bari ed “Pro.Andros” di Barletta.

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!