Detenuto morto, 15 indagati

Lecce. Sono 15 gli iscritti nel registro degli indagati in seguito alla morte del detenuto romeno; programmata per domani l'autopsia

LECCE – Sarebbero 15 le persone iscritte nel registro degli indagati a Lecce per la morte di Pop Virgil Cristria, un detenuto romeno di 38 anni deceduto due giorni fa nell'ospedale del capoluogo salentino dopo aver digiunato per 50 giorni. L'uomo era in sciopero della fame perchè, per un cumulo di pene, era condannato a 18 anni di reclusione ma si diceva innocente e voleva che un magistrato sentisse le sue ragioni e si adoperasse per ridargli la libertà. Le iscrizioni degli indagati sono state fatte per consentire loro di nominare consulenti per l'autopsia che dovrebbe tenersi domani. 14 maggio 2012 ‘Sono innocente’. Detenuto muore dopo lo sciopero della fame LECCE – Rifiutava il cibo da sette settimane e sabato scorso il suo corpo non ce l’ha fatta. Si è spento nell’ospedale “Vito Fazzi” di Lecce il 39enne di origini romene Popo Virgil Cristria detenuto presso il carcere di Lecce per reati contro il patrimonio e la persona Nel carcere salentino, l’uomo, originario di Bucarest, era stato trasferito dal penitenziario di Benevento, dove si trovava, per scontare pene divenute definitive. Ma si era sempre proclamato innocente, non accettando quella detenzione. Quando è stato trasportato al nosocomio leccese, le sue condizioni era già gravi. Inseguito al decesso, la magistratura ha aperto un fascicolo che è nelle mani della pm Carmen Ruggiero, che in queste ore sta acquisendo cartelle cliniche e documentazione sanitaria del carcere.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!